Elezioni Cile 2013: vince Bachelet. Ma andrà al ballottaggio

L'ex presidente vince al primo turno con il 46,6%. Evelyn Matthei conquista il 25,2%.

Nelle elezioni in Cile vittoria per l'ex presidente Michelle Bachelet: "Non ci sono due letture possibili: abbiamo vinto queste elezioni, e con ampia maggioranza". È lei infatti il candidato più votato con il 46,6% in questa prima tornata di elezioni presidenziali. Una vittoria, quindi, che però la costringe al ballottaggio del 15 dicembre. "Lavoreremo per ottenere una vittoria decisiva nel secondo turno", ha detto Bachelet, che però dovrà affrontare l'ex amica Evelyn Matthei, che al primo turno ha conquistato il 25,2%.

Sono stati 13,5 milioni i cileni chiamati al voto per scegliere uno dei nove candidati alla presidenza, ma fin dall'inizio si sapeva che lo scontro vero sarebbe stato tra le due ex amiche d'infanzia divise dal golpe. Il vero obiettivo della Bachelet, però, era la vittoria al primo turno. Obiettivo mancato per il buon risultato proprio di Matthei, che secondo molte previsioni non sarebbe dovuta andare oltre al 20%.

Per Evelyn Matthei questa è quindi una vittoria, anche perché fin dall'inizio aveva detto di chiedere un voto che "le permetta di andare al ballottaggio". Molto improbabile, comunque, che il ballottaggio possa ribaltare la situazione. Da notare come sulla scheda gli elettori abbiano avuto la possibilità di dichiarare se sono a favore di una riforma della Costituzione: per farlo basta scrivere le lettere 'AC' (Assemblea Costituente) sulla scheda. La scelta non avrà alcun effetto formale, ma fornirà un dato statistico che potrebbe avere un importante peso politico.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO