Daniela Santanchè, Storace e l'utilizzo politico del gossip

Per raccontare cosa sta succedendo ne "La Destra", il partitino di Francesco Storace, è necessario partire dalla copertina di Novella 2000 dedicata, un paio di settimana fa, a Daniela Santanchè che troneggiava in stile cavallerizzo sulla prima pagina del settimanale scandalistico della Rcs sotto il titolo "Casta da un anno". All'interno, intervista-shock al portavoce de "La Destra": "Perché non la do e scelgo la castità".

Un segnale politico? Anche. Per dire, a nostro avviso, che il flirt - politico, ovvio! - con Berlusconi di cui si parla in questi giorni non nasce da scambi di favori sessuali. Se le altre, insomma, vogliono concedersi al premier, facciano pure. Lei, integerrima, continua per la sua strada tracciata, come ricorderete, già in campagna elettorale: “Berlusconi e’ ossessionato da me. - disse - Tanto non gliela do…”.

E proprio in questi giorni, mentre sembra consumarsi inevitabilmente la scissione con Storace, le trattative col presidente del Consiglio in persona continuano. "Siamo già parte del Pdl" è il teorema della Santanchè che medita l'annessione o la scissione. Secondo Epurator (intervistato oggi da Repubblica), la portavoce (intanto ribattezzata dall'ex Governatore del Lazio "l'antivoce") è pronta a vendersi "per un posto in lista". Una logica sbagliata che annulla di fatto, secondo molti osservatori, il percorso de "La Destra", forza politica nata in contrapposizione ad Alleanza Nazionale rea di aver abdicato, negli ultimi anni, agli antichi valori del Movimento Sociale Italiano.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO