Piazzapulita, la puntata del 25 novembre 2013

La puntata di Piazzapulita in diretta su PolisBlog

00.27 Finisce la puntata.
00.22 In studio Micaela Quintavalle, autista Atac a Roma, che, dopo aver criticato i sindacati per lo sciopero di Genova, lamenta l'eccessivo spazio a concesso a Berlusconi in puntata e restituisce polemica il microfono a Corrado Formigli.

00.18 Pubblicità.
00.15 Secondo Busi da mercoledì "non inizia una nuova era perché non vedo un cambio della classe politica". Poi si chiede se esistano politici onesti e non collusi coi poteri occulti.
00.14 Biancofiore spiega che mercoledì andrà in piazza "per difendere la libertà e la democrazia" ma anche per contrastare il governo che "sta facendo poco o niente. Ha aumentato l'Iva per una vendetta da parte di Letta".

00.10 Biancofiore, tenuta fuori dal talk da quando si è smesso di parlare di Berlusconi, riprende la parola:

Lasciamo il governo per quello che ha detto De Nicola. Ha fotografato la diversità del mondo di Cuperlo e quello mio, dei liberali di destra.

00.06 Cuperlo: "Se bisogna intervenire sulla crescita, siamo o no d'accordo che bisogna però rovesciare gli ordini dei fattori rispetto a quanto fatto in questi anni? Non ha funzionato partire dall'austerità come ci ha detto di fare l'Europa: bisogna creare domanda di lavoro perché quello sarà il motore della crescita".
00.05 Cuperlo: "Negli ultimi 20-30 anni abbiamo assistito ad una redistribuzione, ma dal basso verso l'alto. C'è stato un trasferimento dai redditi di lavoro a quelli di rendita o di speculazione".
23.58 In studio c'è Francesca Cupelli, imprenditrice agricola, tesserata nel Pd: "A noi serve maggiore attenzione, perché nessuno sa chi siamo. Meno burocrazia perché è impossibile oggi in Italia fare l'imprenditore".

23.55 Pubblicità.
23.53 De Nicola: "Chi parla di economia concentrandosi solo sui numeri è un deficiente. L'economia è una scienza sociale, si occupa di persone, Cuperlo ha ragione". Poi aggiunge:

Cuperlo ha torto quando dice che il problema si risolve con la redistribuzione. Si risolve con la crescita, non aumentando la tassazione per poi distribuire.

23.50 Cuperlo: "Bisogna redistribuire il peso di questa crisi, che è gravato sulle spalle di chi già stava male. Nella legge di stabilità, che ha tanti limiti, ci sono alcune cose importanti, tra le quali il sostegno per l'inclusione attiva".
23.49 Cuperlo: "Penso che andare a votare in questo momento non risolverebbe i problemi. Il governo ha senso se vede questi servizi e riesce a parlare a quelle persone".

23.48 Formigli non ha notato nei discorsi di Cuperlo, Renzi e Civati un fermo sostegno al governo Letta.
23.44 Ascoltiamo la storia di Angelo, che si è ritrovato all'improvviso senza lavoro. E ora si ciba alla mensa dei poveri. Le cifre parlano chiaro: dal 2010 si è registrato un aumento del 47% dei nuovi poveri.
23.40 Con un servizio impattiamo con la crisi che colpisce le imprese e il fenomento della crescita dei poveri in Italia.

23.34 Pubblicità.
23.33 L'economista nota che il governo per quattro giorni non ha fiatato sullo sciopero selvaggio del trasporto a Genova.
23.30 De Nicola critico sul "balletto della legge di stabilità": "Non c'è nulla di quello che serve al Paese. Il governo Letta non è un governo pessimo perché si muove in condizioni difficili, ma tutte le cose che ha fatto sono stati piccoli interventi che non servono a niente".

23.28 Cuperlo: "Voglio credere che ci sia una maggioranza di donne ancora convinta che la dignità della persona venga prima".
23.27 Busi concorda in qualche modo con Biancofiore: "L'amore vero è possibile soltanto tra poveri".
23.25 Biancofiore: "La stragrande maggioranza delle donne quando vede un potente, uno ricco, ci si butta a pesce... vuole blandirlo".
23.23 Gomez rammenta la lettera scritta dall'ex moglie di Berlusconi che lamentava i suoi eccessi.
23.18 Gomez nota che il punto politico della vicenda è il fatto che abbia messo a rischio la reputazione del Paese. Poi ricorda che è stato il governo Berlusconi a introdurre il reato di prostituzione minorile per un atto di moralismo.

23.17 Biancofiore: "Ho visto io ragazze di vent'anni mettere i biglietti nelle sue tasche? Anche se avesse voluto, non avrebbe pagato delle donne. Ma non è nella sua cultura".
23.14 Gentili sottolinea che "il sistema è alterato". Biancofiore: "Chi glielo dice che queste ragazze sono andate a letto con Berlusconi? Nelle intercettazioni non si evince questo".

23.11 Cuperlo la pone sul piano morale: "Abbiamo spinto l'etica pubblica oltre la soglia":

Ricostruiamo il principio che non tutto si compra.

Chirico: "La sinistra italiana si è rintanata in un moralismo bacchettone"
23.07 Cuperlo: "Berlusconi è stato sconfitto culturalmente, prima ancora che politicamente. Il punto non è imbastire un processo sulla moralità di un singolo. Verrà un giorno in cui ci chiederemo cosa è accaduto culturalmente negli ultimi 20 anni nel nostro Paese?".
23.03 Biancofiore non sembra apprezzare il servizio, che indugia sui particolari intimi emersi dal processo Rubygate.

23.00 In onda un bunga-bunga story firmato da Alessandro Sortino.

22.57 Busi critico sulla 600 bis (prostituzione minorile) che non distingue tra minori e bambini e che è stata scritta in modo "maligno".
22.50 Pubblicità.
22.49 Biancofiore su Berlusconi: "È stato un grande statista, ha costruito tantissimo per il popolo italiano".
22.48 Quanti ruffiani intorno a Berlusconi, il primo è Alfano. Una persona che aveva la lingua così appiccicata a Berlusconi non l'ho mai visto.
22.46 Biancofiore accusa Formigli di fare un processo alle intenzioni.

Sono stata a molte cene da Berlusconi e non ho mai assistito a scene immorali.

22.43 Biancofiore attacca Gentili che sostiene che i giovani vicini a Berlusconi non abbiano sogni.

22.42 Veronica Gentili, attrice e blogger: "È stata cancellata una generazione. Che, grazie al paravento di Berlusconi, non esiste. Berlusconi è stato un venditore di sogni, per chi non li aveva".
22.39 Chirico: "È stato un processo tutti indiziario; in appello sono speranzosa che questo processo sia rivisto. Ho fiducia nei magistrati".
22.36 Chirico parla di "porno processo" e elenca una serie di domande pruriginose rivolte nel corso del processo alle testimoni.
22.35 Giuliante oggi fa il pizzaiolo e potrebbe essere accusato di aver portato avanti una trattativa tra Berlusconi e Ruby per corrompere (questa sarebbe la tesi) la marocchina.
22.33 L'intervista all'ex avvocato di Ruby e Lele Mora, Luca Giuliante.

22.30 Tre i processi attualmente in carico a Berlusconi, che rischia un quarto procedimento.

22.29 Secondo Busi, Berlusconi ha fallito politicamente perché ha avuto "una concezione padronale, feudale delle istituzioni".
22.28 Busi su Berlusconi: "Mi auguro che impari a giocare a dama, a briscola, che si goda i suoi nipoti, che parli di più con i figli".
22.26 Per Biancofiore c'è il rischio effettivo che Berlusconi, nonostante i suoi 77 anni, possa andare in galera perché ci sono procuratori che vogliono diventare icone della sinistra.
22.21 Pubblicità.
22.18 Per Sartori Berlusconi vuole andare a nuove elezioni perché ritiene di poterle vincere anche grazie alle sue televisioni. Sulla sua decadenza:

Berlusconi è sempre vissuto di salvagenti, ma ora non vedo cavilli per non decadere.

22.16 L'intervista a Giovanni Sartori:

Berlusconi è astuto, ma è analfabeta. Ma quale golpe? È peggio di Grillo in questo.


22.15 Cuperlo: "L'anno scorso il parlamentare ha dimezzato il contributo ai partiti".
22.13 Biancofiore: "Insomma, Berlusconi ha molte cose da fare":
22.10 Al Senato Berlusconi ha votato soltanto 1 volta. Il Cavaliere in conferenza:

Io ho lavorato più di 12 ore al giorno. Un senatore in Senato ci deve andare nei momenti importanti.

Alla fine rimprovera il giornalista per la domanda: "Sei un bambino dell'asilo".
22.08 In un servizio scopriamo i parlamentari più assenteisti dei primi 6 mesi di legislatura: Brambilla, Longo e Angelucci (2 sole presenze su oltre 2000 votazioni) alla Camera.

22.07 Gomez chiede perché Biancofiore non spinge Berlusconi a dimettersi visto che comunque entro gennaio sarà interdetto. La risposta: "perché non chiede al Pd perché ha scatenato questa guerra? Solo per il congresso del Pd".
22.05 Busi: "Cuperlo è bravo, è convincente, lo voto".
22.01 Biancofiore precisa che Berlusconi, dal punto di vista della legge, "è un parlamentare, non è un cittadino". Cuperlo ribadisce che in qualunque democrazia Berlusconi farebbe un passo indietro. Per il democratico non esistono presupposti di incostituzionalità della Severino:

Sono garantista: qui siamo non con inchiesta ma con condanna definitiva. Andiamo avanti o ancora inchiodati.

22.00 Biancofiore non ha dubbi: "La Legge Severino è profondamente incostituzionale" perché "la legge non ha mai efficacia retroattiva".
22.00 Formigli ricorda che il Pdl non ha candidato Cosentino anche se quest'ultimo non era stato nemmeno condannato in primo grado.

21.59 Chirico ritiene che si sarebbe dovuta percorrere la strada del "ricorso alla Corte Costituzionale per sciogliere un dubbio sollevato anche da giuristi e pure da Violante".
21.57 Gomez ricorda che quando gli fu chiesto se esisteva il pericolo di incostituzionalità per la legge Severino e se essa poteva essere applicata a Berlusconi, Alfano rispose: "Questo rischio non c'è, perché Berlusconi sarà assolto".
21.55 La Legge Severino è incostituzionale? Gomez: "No, ma non conta nulla. È interessante dire che in passato è già stata applicata ad amministratori pubblici, anche del Pdl. Quando hanno sollevato questione di incostituzionalità, nessuno gli ha dato ragione".
21.50 Pubblicità.
21.48 Cuperlo spiega che è stato scelto il voto palese "per una questione di trasparenza di fronte al Paese".
21.46 Gomez concorda sulla forzatura della procedura. Dovuta, secondo lui, alle difficoltà interne al Pd che temeva sorprese con voto segreto. Cuperlo:

Su questo punto c'è una compatezza assolutamente: sono sereno.

21.45 Secondo Chirico "l'applicazione delle procedure che fanno la democrazia sarebbe dovuta essere impeccabile. Non è stato così, ci sono state forzature: c'è stato il cambiamento del regolamento per andare in aula con il voto palese".

21.43 In merito all''affidavit, Gomez dice: "La supertestimone non può aver scoperto la vicenda solo a giugno 2012, perché già si oppose alla rogatoria nel 2005".
21.41 Secondo Gomez dal punto di vista giuridico è molto difficile che avvenga la revisione del processo Mediaset.

21.40 Busi ancora su Berlusconi: "Deve pensare ad una strategia per uscire dal vicolo cieco del suo culto della personalità. È un bambino spaesato, finora viziato".
21.38 Busi sostiene che "gli italiani non aderiscono più a Berlusconi" e minimizza la credibilità dei sondaggi. Per lo scrittore è finita l'epoca di Berlusconi.
21.36 Busi si augura che Berlusconi non vada in galera. Però precisa:

Non è uno statista, ma un condannato. Deve lasciare l'incarico istituzionale; l'Italia non lo vuole più.


21.35 Biancofiore sostiene che Berlusconi sia perseguitato. Poi reagisce al mormorio del pubblico in studio: "Vergognatevi, fare buu a Berlusconi significa fare buu all'Italia".
21.33 Biancofiore ribadisce: "Berlusconi è innocente, non secondo me, ma per due sentenze precedenti della Cassazione."

21.32 Biancofiore: "Berlusconi decadrebbe comunque, non c'è bisogno di questo pronunciamento della giunta. È un'accelerazione politica. È stato violato di tutto".
21.30 Biancofiore legge la definizione di "golpe bianco" che sarebbe adeguata per definire quanto sta accadendo a Berlusconi. La parlamentare sostiene che la legge Severino è incostituzione e che è stato impedito di chiede alla Corte di valutare la sua costituzionalità.
21.29 Cuperlo si dice preoccupato per il fatto che migliaia di persone manifestino contro una sentenza della magistrature.
21.27 Cuperlo su Berlusconi: "Non è che se raccogli milioni di voti in una democrazia per ciò stesso sei esentato dal rispetto della legge, anzi".
21.25 Cuperlo rimprovera Berlusconi per aver parlato di "colpo di Stato" in caso di sua decadenza da senatore:

Il 27 novembre si applicherà il principio della legalità.


21.23 Berlusconi ha escluso "scappatoie straniere" perché vuole dimostrare la sua innocenza a tutto tondo.
21.21 Ed arriviamo alla conferenza stampa tenuta oggi da Berlusconi a Roma.
21.19 Quindi ascoltiamo le parole di Berlusconi secondo cui Napolitano dovrebbe concedere la grazia.
21.17 Nel servizio ascoltiamo anche l'entusiasmo di chi ha aderito a Nuovo Centrodestra di Alfano e Lupi.
21.16 Tutti i militanti difendono Berlusconi e alcuni dicono di stimarlo anche per essere andato a letto con minorenni (come stabilito dalla sentenza di primo grado del Rubygate).

21.13 Inizia la puntata, con un servizio che racconta l'incontro di Berlusconi con i giovani di Forza Italia.

L'ultima trincea è il titolo della puntata di Piazzapulita in onda stasera su La7. Il talk show condotto da Corrado Formigli tornerà ad occuparsi di attualità politica poche ore prima del voto del senato sulla decadenza di Silvio Berlusconi. Nel corso della trasmissione verrà dato spazio anche alle nuove proteste contro i palazzi e l'austerity che riscaldano l'autunno italiano.

Ospiti in studio saranno lo scrittore Aldo Busi, Gianni Cuperlo, candidato alle primarie per la segreteria del Pd, Michaela Biancofiore di Forza Italia, Peter Gomez,, direttore de Ilfattoquotidiano.it, Annalisa Chirico, giornalista e scrittrice, e Alessandro De Nicola, Presidente di Adam Smith Society.
PolisBlog seguirà tutta la puntata in liveblogging, a partire dalle ore 21.10.


Piazzapulita, puntata 25 novembre 2013

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO