La Gabbia, la puntata del 27 novembre 2013

La puntata de La Gabbia in diretta su PolisBlog

00.26 Finisce la puntata.
00.22 Si rientra in studio con Paragone che canta Gaber.
00.17 Pubblicità.
00.07 Arriva Pravettoni-Hendel, che ovviamente prende di mira Berlusconi, uomo del giorno.

00.04 In studio torna Barnard: "Siamo commissariati da una dittatura finanziaria".
00.00 Il giornalista chiede a Letta: "Siamo commissariati da un ispettore del Fondo monetario?" Intanto si scopre che le indicazioni di Cottarelli, all'epoca al FMI, dal 2002 ad oggi sono state puntualmente seguite portando alla situazione economica che conosciamo.

23.58 Un servizio delinea il profilo del commissario straordinario per la spending review Carlo Cottarelli.
23.51 Pubblicità.
23.49 Giannino spiega che con la nuova legge di stabilità vengono regalati miliardi di euro alle banche.
23.45 Reuscher elogia i sindaci italiani che governano bene e con pochi soldi.
23.44 Giannino critica Fassina che non fa seguire alle sue parole i fatti. e che ha criticato la legge di stabilità che il suo governo ha varato.
23.41 Passera spiega perché è partito in elicottero: era stato il prefetto a consigliargli di non andare con la macchina in aeroporto per motivi di sicurezza.
23.38 Passera nega di aver annunciato il suo ritorno in politica. Poi rivendica di aver chiuso decine di tavoli come per Fincantieri.

23.37 Un servizio su Corrado Passera, "quello che scappò dai lavoratori del Sulcis in elicottero".
23.36 Barnard chiede che si formi un comitato di liberazione nazionale transpartitico che chieda all'Europa di "permettere di espandere il deficit di bilancio fino al 10%". Inoltre "la Bce deve garantire il debito dei paesi dell'eurozona" e l'Iva deve essere azzerata.
23.31 Ancora spazio a Paolo Barnard, che ribadisce le feroci critiche nei confronti di Napolitano:

Il vilipendio lo ha fatto lui quando ha consegnato gli italiani all'impoverimento.

23.25 Pubblicità.
23.22 Vediamo un servizio che mostra le fughe dei politici davanti ai giornalisti. Al quarto posto il ministro Zanonato. Al terzo Rosy Bindi. Quindi Enrico Letta. Al primo posto Corrado Passera.

23.20 Gomez parla dello scandalo Telecom, mentre Giannino si siede.
23.18 Duro botta e risposta tra Borghi e Rondolino. Quest'ultimo afferma che "gli italiani non fanno un caxxo".
23.15 Rondolino: "L’Italia faceva schifo anche prima, quando c’era la lira. Era un Paese sfondato".
23.13 Rondolino sostiene che l'euro è un bersaglio facile in un periodo di difficoltà: se non ci fosse la moneta unica, "le persone se la prenderebbero con gli immigrati".

23.08 Paragone svela che dall'entourage di Letta hanno definito La Gabbia una trasmissione che fa male al Paese. Ora interviene Reuscher che dice che dovrebbe cambiare la politica dell'euro, ma precisa che la responsabilità è dei cittadini che hanno votato i partiti nei cui programmi elettorali è indicata un certo tipo di politica europea.
23.05 I lavoratori di Alcatel Lucent sono in studio:

Noi non vogliamo ammortizzatori, vogliamo lavorare.

23.05 Anche Mazzorato parla di crimini compiuti dallo Stato: "Io non voglio essere il boia dello Stato. Ero sindaco, oggi sono disoccupato, soldi sporchi non ne voglio, voglio lavorare per i cittadini".
23.02 Mazzorato è stato sfiduciato nel suo comune dai partiti quando ha provato ad opporsi all'aumento delle tasse a cui era stato di fatto costretto dallo Stato.

23.00 Un imprenditore, storico elettore del Pd, ha la casa all'asta. La situazione in generale comunque è complicatissima, con molte aziende chiuse.
22.58 Vediamo un servizio che racconta la situazione delle imprese in provincia di Padova dopo l'alluvione di tre anni fa.
22.51 Pubblicità.
22.50 Per Rondolino, invece, Napolitano non ha superato i limiti, ma si comporta come permette di fare la Costituzione, che "è un colabrodo".
22.47 Borghi: "Il fallimento del govenro Monti è il fallimento di Napolitano". Gomez si chiede se il capo dello Stato sia il garante della partitocrazia". Facci nota che Napolitano ha avallato gli ultimi due governi, entrambi non scelti esplicitamente dagli elettori.
22.45 Giannino: "C'è un'interpretazione politica da parte di Napolitano del suo mandato. Quando è stato eletto in Parlamento ha detto che se ne sarebbe andato se fosse cambiato l'equilibrio politico".
22.43 Un militante di Forza Italia con un tatuaggio di Mussolini aggredisce fisicamente Raimondo che voleva portare dei fiori in ricordo di Berlusconi.

22.40 Il servizio satirico di Saverio Raimondo, che porge le condoglianze ai militanti di Forza Italia per la 'morte' di Berlusconi.
22.38 Barnard definisce Napolitano "un criminale", un "Presidente che ha tradito la costituzione italiana".
22.35 Barnard spiega la necessità di mettere in piedi un "comitato di liberazione nazionale".
22.30 Paolo Barnard in studio denuncia la condizione di colpo di Stato anticostituzionale e finanziario in cui è finita l'Italia il cui Parlamento è ormai stato esautorato dai trattati europei (peraltro mai votati dai cittadini).
22.27 Ascoltiamo il retroscena, secondo cui a mettere all'angolo Berlusconi è stato Gianni Letta.
22.21 Pubblicità.
22.21 Una signora nega che ad Arcore siano successe cose sgradevoli tra Berlusconi e le ragazze perché "lui è stato operato più volte alla prostata".

22.16 In onda un servizio dedicato ai 'falchetti' di Forza Italia. Alcuni di loro non conoscono nemmeno Marcello Dell'Utri. Altre non dimostrano grande cultura, anche a livello grammaticale.
22.14 Biondani cita un documento inedito contenuto nel libro: l'atto di apertura di un conto svizzero intestato ad All iberian dove c'è il riferimento esplicito a Fininvest.
22.10 Reuscher afferma che servirebbe maggiore decisione nell'eliminazioen degli sprechi per favorire la crescita dell'economia. La giornalista non ritiene che sia l'Europa e la politica di rigore a frenare l'Italia.
22.08 Si passa a parlare della legge di stabilità, criticata da più parti.
22.05 Un servizio sulle debolezze del governo Letta, anche se il Premier non ha dubbi sulla sua solidità.
22.05 Mineo dice che l'attuale legge elettorale è "immonda": "Io sono per tornare al Mattarellum".
22.03 Mineo ammette che la sinistra ha paura di affermare le proprie ragioni. Poi dice che Monti ha facilitato le larghe intese. Rondolino obietta affermando che senza Scelta Civica, Berlusconi sarebbe al governo.
22.00 Secondo Minzolini ai vari Lupi e Formigoni manca "un orizzonte politico reale, il loro è molto fragile".
21.58 La presunta nuova squadra di Berlusconi. Per Minzolini però è più romanzo che realtà.

21.57 Nel reportage l'incredibile dichiarazione di Razzi di Forza Italia: "Scusate, ma chi non ha fatto frode fiscale in Italia?"
21.50 Un servizio riepiloga le ultime ore di Berlusconi. E, con stile ironico, viene raccontata la manifestazione odierna dei miitanti di Forza Italia. Dalle immagini emerge anche l'aggressione subita dall'inviato di Santoro, Bertazzoni.
21.45 Pubblicità.
21.44 Rondolino: "La sinistra sono 20 anni che pensa di seppellire Berlusconi. Finché prende i voti...". Secondo Rondolino inoltre "il vittimismo è la benzina più forte del berlusconismo".
21.42 Facci: "La sua forza sono i voti, quando non li avrà più sarà finito". Secondo Gomez Berlusconi potrebbe pensare di scappare ad Antigua in caso di condanna nel processo Ruby.

21.41 Secondo Mineo la rottura del centrodestra è "di fondo" e non sarà ricomponibile così facilmente.
21.39 Secondo Mineo il governo può reggere, anche dal punto di vista numerico.
21.36 Minzolini critica il governo che non ha fatto nulla per l'economia ma neanche per la pacificazione auspicata a inizio legislatura. Poi definisce Grillo antipolitica alla pari del'astensionismo. Infine ddice che questa è rappresenta la rinascita di Berlusconi e non la sua fine.
21.32 Il giornalista Paolo Biondani ha scritto il libro Il cavaliere nero notando come l'evasione imputata nel complesso a Berlusconi è di 368 milioni di dollari.
21.32 Spazio ad un elettore di centrodestra che difende Berlusconi.
21.30 Secondo Gomez Alfano, Berlusconi e parte del Pd stanno lavorando per l'amnistia che salvi il Cavaliere.
21.28 Facci rivela che Berlusconi ha un vecchio pallino di comunicazione per cui la magistratura è paragonata alle Brigate Rosse.
21.26 Collegamento in diretta dalla sede romana di Forza Italia. I parlamentari si sono riuniti e hanno deciso di chiedere un incontro con Napolitano per esprimere il loro disappunto.
21.25 Rondolino nota la "novità" per cui i tre leader principali sono fuori dal Parlamento. Poi aggiunge: "Politicamente il settennato di Napolitano finisce oggi, così come le larghe intese".
21.23 Mineo: "Ho sempre pensato che Berlusconi fosse una persona troppo ricca, troppo signore delle televisioni per governare. Oggi ho visto un Berlusconi molto stanco, insieme a lui ci sono personalità che cercano di smembrare il corpo del loro benefattore per ottenere un pezzo di eredità".
21.21 Mineo ricorda che si oppose alla rielezione di Napolitano, che poi avrebbe promosso le larghe intese. Poi osserva lo scontro nel centrodestra, che però nei sondaggi è dato in vantaggio.

21.18 Costanze Reuscher spiega che all'estero in merito a Berlusconi "ci si chiede cosa ha fatto in 20 anni di governo".
21.16 Per Minzolini c'è stata "insipienza da parte del governo nel gestire il caso Berlusconi". L'ex direttore del Tg1 nega di essere passato all'opposizione sul caso decadenza.
21.15 In collegamento ci sono anche Minzolini e Mineo.
21.13 Secondo Gomez per Berlusconi la situazione è pericolosa: "Quando ti vedono più debole la gente inizia a parlare, a raccontare, tenta di ricattarti".
21.12 Facci: "Può non essere cambiato nulla. L'unica cosa che può succedere è che lo arrestino".

21.10 Gomez sostiene che Berlusconi ora che ha perso l'immunità ha paura: "Nel suo discorso mi è sembrato molto invecchiato".
21.09 Paragone presenta gli ospiti.
21.08 Inizia la puntata, con una clip che racconta la giornata politica.

Non può che essere la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi il tema centrale della puntata di stasera de La Gabbia, il talk show condotto da Gianluigi Paragone su La7. Nel giorno del voto in Senatore, il programma proporrà collegamenti in diretta per seguire la vicenda e la manifestazione di Forza Italia.
Ospiti in studio saranno i giornalisti Peter Gomez, Oscar Giannino, Fabrizio Rondolino, Filippo Facci, Costanze Reuscher e l'economista Claudio Borghi.
Nel corso della puntata - seguita in diretta da PolisBlog a partire dalle ore 21.10 - non mancheranno gli interventi satirici di Paolo Hendel e di Saverio Raimondo.

La Gabbia, puntata 27 novembre 2013

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO