Primarie Partito Democratico, il confronto tv dei candidati

Il confronto tra i candidati alla segreteria del Pd, Matteo Renzi, Gianni Cuperlo e Pippo Civati, in diretta su PolisBlog

22.28 Finisce la diretta.


22.22

Appelli finali.
Renzi chiede la semplificazione dell'Italia. Poi cita il caso delle baby squillo e lo strapotere del denaro. Civati: "Il mio Pd è degli elettori. Dei ventenni che di solito guardano la politica con disagio. Dico a loro che sono molto orgoglioso. Quando ci sarà un favoritismo, un concorso truccato, il Pd sarà al loro fianco. I giovani siete voi, smettiamo di chiamare giovani quelli che hanno 40 anni".
Cuperlo cita Italo Calvino: "Dobbiamo sostituire speranza e dignità e una prospettiva di cambiamento a questo Paese. Non c'è cambiamento profondo senza profezia della sinistra. Il Pd riscopra la dimensione dei valori culturali. A un 20enne devi dire: "Ragazzo, viene da questa parte, perché questa è la parte giusta".
22.20 I due nomi nel Pantheon ideale.
Cuperlo cita Enrico Berlinguer, l'uomo che ha testimoniato una concezione etica della politica. E poi Rosa Parks. Renzi: "Même Auzzi, un militante del Pd che non avrebbe votato me. Il secondo è. Don Primo Mazzolari ".
Civati cita il sindaco di New York e Maria Carmela Lanzetta, sindaca del Pd che il partito non ha sostenuto abbastanza. Lei non la metto nel Pantheon ma in direzione nazionale, è candidata con me.
22.18 Come perdere di nuovo le elezioni?
Civati: "Non dobbiamo inseguire i moderati di Casini. Dobbiamo essere più netti, più diretti".
Cuperlo: "Un partito non è un programma di governo, ma è la scelta degli occhi con cui guardi il mondo. Dobbiamo riconquistare la fiducia del Paese".
Renzi: "Non dobbiamo più parlare di noi e pensare che la politica sia un insieme di cose da fare".
22.17 Caso Cancellieri.
Renzi: "Io mi candido a segretario per cambiare l'Italia, non un ministro. Comunque l'errore della Cancellieri è stata la telefonata alla famiglia dell'arrestato. La legge è uguale per tutti".
Civati: "Se la questione torna al Senato bisogna ridiscuterne. La mia mozione, se dovessi vincere, rientrebbe in gioco. Il caso è molto grave".
Cuperlo: "Dobbiamo recuperare il principio di responsabilità- Ho rispettato le parole del ministro, ma c'è stato un grave problema di opportunità da parte sua. No alla mozione di sfiducia, doveva dimettersi".
22.14 Cuperlo replica:
"Mi impegnerò per impedire una qualunque deriva presidenzialistico del nostro ordinamento costituzionale. Matteo tu puoi assumerti questo impegno?" Renzi replica: "Io non sono affezionato al modello".
22.10 Qual è la miglior legge elettorale per i cittadini:
Cuperlo: "Mai più con questa legge elettorale. La migliore per me è quella con doppio turno di collegio".
Renzi: "Non c'è una legge elettorale ideale. In Italia non si sa mai chi vince e chi perde. Chi vince deve governare, senza inciuci. Prodi è stato mandato a casa per i contrasti interi. Farò tre proposte da segretario. Dopo l'8 il Pd deve avere l'autorevolezza di fare la riforma".
Civati: "Quagliarello e Violante stanno scrivendo le bozze da due anni, c'è del tenero secondo me. Dobbiamo prendere in mano la situazione. Bisogna tornare al Mattarellum (come Renzi, che però vuole il premio di maggioranza).
22.10 Replica di Civati:
"Non ho certezze, se non la laicità dello Stato. In Parlamento ci sarebbe la maggioranza per votare i matrimoni egualitari".
22.06 Diritti degli omosessuali:
Civati: "Io sono favorevole ai matrimoni egualitari. Se non c'è accordo, bisogna discutere. Sono favorevole anche ad affidi e ad adozioni di bambini".
Cuperlo: "Non dobbiamo avere paura delle parole, ma amare le persone. Estendere i diritti significa fare il bene a livello collettivo. Adozione? Bisogna discutere, iniziamo ad occuparci dei figli omosessuali che vivono con i genitori. Recuperare la modifica della legge 40".
Renzi: "Sono più timido su questi temi. Ho tre proposte (le prime due non riusciamo a capirle), la terza riguarda i diritti delle persone non sposate".
22.05 Fact Checking per Cuperlo: parzialmente vero il dato dei 35 miliardi per quanto riguarda i beni convenzionati da acquistare.
22.00 Voto al governo Letta e al Premier.
Renzi: "Questi 6 mesi sufficienti, i prossimi saranno ottimi perché daremo una mano. Mi candido per vincere tutti insieme. Dobbiamo fare le cose. In 6 mesi su troppe cose si è rimandato. Bisogna cambiare passo su scuola e cultura".
Civati: "Ringraziamo chi ha fatto il ministro. Il mio voto è insufficiente, non per colpa di Letta, ma dell'impianto. In Germania hanno seguito quello che dicevo io: definire ogni punto programmatico, senza sorprese".
Cuperlo: "Il voto a Letta è più che sufficiente, ha ridato credibilità all'Italia. Il governo ha fatto meno di quello che sarebbe stato necessario. Bisogna cambiare passo".

21.56 Fact Checking positivo per Civati sulle cifre relative ai 16 miliardi di costi legati agli organi legislativi e degli affari esteri. Pubblicità.
21.55 Replica di Renzi: "Io a Firenze ho ridotto l'addizionale Irpef. Gianni, è giusto che chi ha di più contribuisca di più, ma prima dobbiamo dare il buon esempio noi".
21.53 Domanda da Twitter sulla patrimoniale per recuperare l'evasione:
Renzi: "Sì, soltanto dopo che la politica si taglia i costi. Dopo che torna la legalità nella pubblica amministrazione. Dopo che il fisco è chiaro".
Civati: "Abbiamo abbassato le tasse sul patrimonio, è una follia. Dobbiamo anticipare la lotta all'evasione abbassando le tasse sul lavoro. Poi sì, la patrimoniale, ma prima bisogna rivedere il catasto. La tassazione deve essere progressiva.
Cuperlo: "Ho trovato nelle loro risposte un eccesso di timidezza. La mia risposta è sì".
21.50 Replica di Cuperlo:

L'elezione mancata di Prodi è una ferita aperta. Io ho votato per Marini, per Prodi. Non tutti hanno votato per i candidati scelti dal partito.

Renzi replica:

99 miliardi di euro di fondi europe li abbiamo spesi con 7700 progetti diversi. Servono grandi investimenti mirati, non marchette.


Civati replica:

Sui 101 tiratori franchi io farò un'indagine perché quella vicenda è insuperabile.


21.45 Domanda sul deficit Pil. Cuperlo: "Il govenro deve andare in Europa e spiegare, anche battendo i pugni sul tavolo, che la strategia usata dall'Europa è fallita. La logica per cui si parte dal rigore è fallita. Bisogna prima creare il lavoro per alimentare crescita e consumi.
Renzi: "Aver lasciato l'Europa ai tecnocrati ha rovinato tutto. I burocrati di Bruxelles ci dicono come fare la cioccolata, ma di fronte al disastro di Lampedusa si girano dall'altra parte. Dobbiamo rimettere in discussione in trattato di Maastricht. La tecnica ha distrutto l'Europa, la politica può salvarla".
Civati: "Io la penso come Prodi quando ci ricorda che il 3% è un numero, abbiamo fatto bene a rientrare. Dobbiamo essere rigorosi ma dobbiamo chiedere la possibilità che scuola e ricerca siano considerate fuori dal debito e che l'Europa capisca che all'Italia serve un reddito minimo".
21.45 Replica di Civati:

C'è una questione maschile, i problemi li hanno gli uomini e non le donne. Bisogna cambiare approccio. Noi siamo tutti uomini e questo è un problema.

21.45 Replica di Cuperlo:
"Quando si parla di donne, in questo Paese si parla di qualità dei servizi. Ma io vorrei porre il tema del diritto al lavoro e dell'occupazione femminile. Il primo ammortizzatore sociale che funziona è che in casa arrivino due stipendi e non uno".
21.40 Disoccupazione, in particolare delle donne. I candidati si rivolgono in camera alle donne in cerca di lavoro:
Civati: "Chiedo scusa a nome di tutti per essere intervenuti sull'Imu, non so perché lo abbiamo fatto. Dovevamo abbassare le tasse sul lavoro. Deve essere premiata non più la rendita, ma la persona che cerca lavoro".
Cuperlo: "Prometto una legge di uguaglianza per i salari tra i due generi, maschile e femminile. Serve coraggio, radicalità. Alziamo al 2,7 il rapporto deficit/Pil, mettiamo in sicurezza il territorio. Serve un'azione pubblica per rilanciare la domande e i consumi".
Renzi: "Non prometto, perché molti lo hanno già fatto. Cara Francesca, c'è un problema di asili nido, di stipendio. C'è un problema di servizi, di orari. Il cambio delle regole lo faremo insieme, Francesca.
21.35 Spending review.
Renzi: "Bisogna mettere online tutte le spese pubbliche, non con i professori che fanno i numerini. Il ministro mi deve dire quanto spende nel dettaglio, immediatamente nei cittadini nasce un fenomeno di controllo sociale. Il metodo di Cottarelli non mi convince affatto".
Civati: "In Italia spendiamo un punto di Pil in più della Gran Bretagna in spese legate alla burocrazia. Sono le spese centrali dello Stato quelle da cui partire. Poi dobbiamo capire i costi della sanità. in una legislatura si può recuperare quel punto di Pil.
Cuperlo: "Bisognerebbe comprare per le istituzioni pubbliche attraverso convenzioni. Tagliamo sui doppi e tripli incarichi".
21.34 Fact checking su una frase di Renzi.: un miliardo e mezzo da ottenere abolendo il Senato, le Province e il cambio della legge elettorale. Il sindaco cita lo studio del professor Perotti e dice che l'Università Tor Vergata ha dati sbagliati.
21.31 Domanda su Silvio Berlusconi: sarà il prossimo avversario?
Cuperlo: "Mi auguro di no per il futuro della democrazia di questo paese. Un leader politico sulle scena per oltre 20 anni è insolito. Serve alternanza tra destra e sinistra. Non ha funzionato la concezione padronale della politica. Spero si possa aprire un nuovo ciclo, anche a sinistra".
Renzi: "Non lo so, invito tutti ad essere prudenti quando parliamo di Berlusconi. Quando lo abbiamo considerato finito, ci ha fregato. In questi 20 anni la sinistra è stata subalterna alla sinistra: ci detta l'agenda, il gioco lo comanda lui. Io mi candido alla segreteria per un'idea di Pd che sia capace di entusiasmare e di pensare agli italiani, non a Berlusconi".
Civati: "Sarà ancora nostro avversario, dal suo punto di vista non è cambiato granché. Noi facciamo le primarie, loro le ereditarie, tra Marina e Barbara. Sinceramente non mi fido di Alfano, è stato l'uomo delle leggi ad personam. Anche se ora si è dimenticato della personam dice che sono 'cugini'. Hanno già fatto sapere che torneranno insieme".
21.30 Si ricomincia. Prima segnaliamo che Civati in precedenza aveva detto, tirando il ballo il caso Cancellieri:

Gli amici degi amici noi li abbiamo solo su Facebook


21.25 Domande sui prezzi di quotidiani, benzina e panino per tastare il senso di realtà dei candidati. Se la cavano tutti. Pubblicità.
21.22 Stipendio, proprietà intestate e finanziamenti ricevuti.
Renzi: "4300 netti. Casa con mutuo. Ho una macchina insieme a mia moglie. 67 mila il finanziamento. Avevo una bicicletta ma me l'hanno fregata".
Civati: "8000 euro, tolti quelli che diamo al partito. Ma è una cifra che possiamo rivedere. Ho un Audi, sono in affitto, non ho nient'altro. 77 mila euro raccolti".
Cuperlo: "Intorno agi 8 mila, vivo in affitto da 20 anni, sono proprietario di una macchina e di una moto. Ho raccolto in campagna elettorale 70-80 mila euro".

21.19 Altra domanda, sullo scandalo tessere nel Pd.
Cuperlo: "Io non ho fatto mai polemica, ho posto un problema che riguardava tutto il partito. Ci sono state dinamiche a livello locale..." poi viene interrotto.
Renzi: "Civati e Cuperlo non barano. Grillo manda qualche migliaio di persone a votare, noi milioni. Il Pd non è stato tesseropoli".
Civati: "Hanno barato solo a livello locale. Ho chiesto a Matteo e Gianni di non coprirli, avrei voluto parole un po' più forti".

21.18 Replica di Cuperlo: "In grandi capitali d'Europa si torna a pubblicizzare i servizi perché in termini di qualità c'è una domanda di beni comuni che la politica deve tornare a occuparsi". Renzi controreplica: "Cosa significa bene comune? Dare un giardino alle mamme, anche se privatizzato, per me è bene comune. Con la privatizzazione della Telecom ha fatto perdere la faccia alla sinistra".
21.15 Quali numeri aspettarsi alle primarie e quale risultato personale attendersi?
Civati: "Noi vinceremo. Mi auguro ci siano 3 milioni di persone in coda per votare".
Cuperlo: "Non sarà un fallimento, penso andranno a votare più di 2 milioni di persone, ma non indico una soglia minima. Il Pd ha tanti limiti, ha compiuto tanti errori ma è una grande forza popolare. Il mio obiettivo è conquistare consenso di chi crede che un partito sia un'identità ben precisa".
Renzi: "Credo che saranno 2 milioni le persone che andranno a votare. Spero di prendere il 51%. Comunque il 3% di Eni è un'operazione sbagliata".
21.09 Quanti soldi recuperare e vendendo cosa per risolvere il problema del debito pubblico?
Renzi: "Alcune privatizzazioni sono state fatte male, altre bene. Se diamo via il 3% di Eni come vogliamo fare è come fare un'operazione Compro Ora. Telecom, Alitalia sono state privatizzazioni vergognose. Serve cambiare destinazione urbanistica delle caserme. Non le do una cifra, prima di partire con privatizzazioni e dismissioni poniamoci il problema di alimentare la crescita".
Civati: "Dobbiamo essere molto cauti: una famiglia in difficoltà non dismette i beni più cari. Sono d'accordo con Renzi su questo. Serve liberalizzazione del mercato vera che è sinonimo di uguaglianza. Viviamo in un Paese in cui non c'è un mercato competitivo. Facciamo una norma sul conflitto d'interessi, evitiamo gli scambi di posto. Acqua da privatizzare? C'è un referendum da rispettare".
Cuperlo: "Ci è stato detto che tutto quello che era pubblico era negativo. Le privatizzazioni si possono fare ma seve capire cosa e come privatizzare. La scuola è un grande bene pubblico sul quale abbiamo investito troppo poco. Il diritto alla salute non si può privatizzare. Tutta la tecnlogia che sta dietro un iPhone è stata alimentata dalla ricerca del pubblico".
21.03 Prima domanda per Cuperlo: la verifica di governo ci sarà dopo le primarie. Detterà condizioni per restare nel governo Letta?
Cuperlo: "Questo è il nostro governo anche se non è quello per cui ci siamo battuti in campagna elettorale. È un governo di necessità, siamo alleati con i nostri avversari. I ricatti non hanno aiutato. Ora il governo deve cambiare rotta, passo. Non ha più alibi. Deve mettere al centro il dramma del Paese: milioni di persone non ce la fanno più. Bisogna contrastare la povertà e bisogna fare interventi per creare lavoro e rimettere in moto l'economia. Questa è una crisi della domanda, non dell'offerta".
Renzi: "Il governo deve uscire dalla dimensione della paura degli altri. Diamo il buon esempio, 1 milione di euro da risparmiare tagliando il Senato. Poi piano per il lavoro. Infine, ridare speranza e passione agli italiani. CHiediamo al governo di dare anima all'Europa".
Civati: "Sono molto lontano da quello che dicono i miei concorrenti. Noi dobbiamo cambiare la legge elettorale subito. Poi dobbiamo tornare al voto, nella prossima primavera. Non c'è più Brunetta, ma ci sono Alfano, Giovanardi..Il nostro partito deve recuperare i voti persi nelle ultime elezioni"
21.02 Semprini ricorda le regole.
21.01 Vengono presentati i tre candidati, tutti sorridenti.
21.00 Inizia la diretta.

20.34 Tra meno di mezz'ora inizierà il confronto televisivo - l'unico salvo sorprese - tra i candidati alla segreteria del Partito Democratico. Su PolisBlog lo seguiremo in tempo reale.

Questa sera alle ore 21 SkyTg24 dalla nuova X Factor Arena di Milano trasmetterà in diretta il confronto tra gli aspiranti al ruolo di segretario del Partito Democratico. Protagonisti saranno - secondo l'ordine sul palco stabilito tramite un sorteggio - Gianni Cuperlo, Matteo Renzi e Giuseppe Civati.
I tre candidati avranno la possibilità di rispondere alle domande, talune in arrivo da Twitter all'hashtag #ilConfrontoPD, entro massimo 90 secondi. Il tempo sarà scandito da un countdown e ogni candidato avrà un podio personale all'americana.
PolisBlog seguirà tutta la discussione in liveblogging.

Gianluca Semprini sarà l'arbitro del dibattito: il giornalista dovrà garantire il rispetto di tutte le regole e a lui toccherà richiamare i candidati alla pertinenza delle risposte e chiedere eventuali chiarimenti nel merito, oltre che assicurare che a tutti partecipanti sia concesso lo stesso tempo d'intervento.

Tra le novità già annunciate, il fact checking live: fatti e dati dichiarati passeranno al vaglio di un gruppo di ricercatori della Facoltà di Economia dell'Università di Roma Tor Vergata e i candidati saranno sottoposti in diretta alla verifica delle loro risposte.

I telespettatori potranno interagire tramite il voting e l'applausometro. Attraverso My Sky HD, SKY GO, l’app TG24 per iPhone e iPad e il sito internet skytg24.it si potrà rispondere alla domanda “Chi ti sta convincendo di più?”.
Il Confronto, in onda su Sky Tg24 HD (canali 100 e 500), in simulcast su Cielo, il canale nazionale in chiaro presente sia su digitale terrestre (canale 26) sia su satellite (canale 126 del bouquet Sky) sia sulla piattaforma Tivusat (posizione 19), sarà inoltre disponibile per i non udenti sul servizio active al canale Sky TG24 Rassegne (canale 505 di Sky).
Possibile seguire l'evento anche sui dispositivi mobili e sui pc grazie a Sky Go e all’app TG24

Primarie Pd, confronto tra Renzi, Cuperlo e Civati: le regole

1. Semprini presenterà i candidati con una breve biografia, accompagnata da una grafica e da una ripresa live;
2. Semprini illustrerà brevemente tutte le regole del confronto;
3. Un podio personale con leggio trasparente sarà la postazione dei tre candidati;
4. La posizione dei posti e l’ordine delle risposte sarà definito da un sorteggio;
5. Ogni candidato ha a disposizione lo stesso tempo per rispondere alle domande;
6. Ci saranno domande con risposte di durata di 30, 60 o 90 secondi;
7. I candidati avranno diritto a quattro repliche e controrepliche dalla durata di 30 secondi e avranno a disposizione una sola replica o controreplica per ogni domanda. Il candidato deve chiedere il diritto di replica a Semprini una volta terminato il giro delle risposte. L’ordine del diritto di replica sarà lo stesso delle risposte precedenti;
8. Durante l’appello finale, il candidato non dovrà denigrare gli avversari. Se ciò dovesse accadere, gli altri candidati avranno diritto di replica;
9. Le domande saranno uguali per tutti. Eventuali modifiche dipenderanno dal candidato, dal suo programma e dalle sue dichiarazioni rilasciate in passato;
10. I candidati riceveranno domande via Twitter che arriveranno con l’hashtag #ilconfrontopd;
11. Il countdown sarà scandito da un orologio visibile a tutti;
12. Semprini dovrà predisporre le domande con la redazione, richiamare i candidati al rispetto della pertinenza delle risposte, chiedere chiarimenti sulle risposte fornite, garantire la durata di ogni segmento, assicurare che i candidati abbiano a disposizione gli stessi tempi e garantire la scorrevolezza del dibattito.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO