Il Pdl? E' monarchia

Italo Bocchino, vicepresidente del gruppo del Pdl alla Camera, in un momento di rara lucidità, nervoso per le affermazioni del premier (“Il gruppo dei senatori è migliore”), si era lasciato andare con i cronisti accusando il Governo di relegare i deputati al semplice voto escludendoli, così, di fatto, dalla partecipazione attiva e consapevole delle scelte dell’esecutivo.

Oggi, in un’intervista al Giornale, Raffaele Lombardo, presidente della Regione Sicilia e leader dell’Mpa, confessa: “Si, ho mandato sotto il governo”. Pausa. “Il Pdl deve consultarci prima”. E accusa: “Il dissenso non può che manifestarsi in aula se prima non c’è discussione preventiva”.

A credere alla favola che il Pdl sia il partito più democratico di questo mondo resta così solo Angelino Alfano, il giovane ministro della Giustizia che, ad una sollecitazione in tal senso da parte di Vittorio Zincone che lo intervistato per il Magazine in edicola, ha preferito nascondersi dietro un dito: “Forza Italia ha un’origine carismatica”.
Per lui si tratta di carisma per altri, invece di monarchia o, peggio ancora, di regime.

  • shares
  • Mail
45 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO