Ballarò, la puntata del 10 dicembre 2013

La puntata di Ballarò in diretta su PolisBlog

23.27 Finisce la puntata. Alè.

23.26 Renzi: "Una cosa di sinistra è l'uguaglianza: dare a tutti le stesse possibilità. Gli imprenditori che creano lavoro in Italia fanno la cosa più di sinistra possibile".
23.27 "Ho la sensazione che la politica fatta nei comuni e nei palazzi romani vadano a due velocità diverse".
23.25 Il segretario del Pd: "Dobbiamo smettere di considerare la scuola come ultima ruota del carro". Poi: "Io so fare il gioco di squadra? È una sfida costante. Ma cosa significa? Rimanere nelle sabbie mobili della politica romana? Allora no".
23.23 L'intervista a Prodi, che consiglia a Renzi il coraggio della leadership ma sempre in combinazione con il gioco di squadra.
23.20 "Berlusconi mi ha chiamato all'una di notte. Cosa stesse facendo lui io non lo so... Mi ha magnificato le primarie. Rosy Bindi mi ha telefonato e ha detto che per sua fortuna né io né Letta dureremo tanto".
23.19 Renzi insiste sulla necessità di fare un pacchetto di riforma del lavoro.
23.15 Renzi: "Per me la destra è conservazione, la sinistra è cambiamento. Non difendere un ragazzo precario è di destra. Dire che il precario o il cassintegrato 50enne non ci interessa è di destra. Per il cambiamento è semplificare".
23.13 Un video riassume la storia tra Renzi e Grillo.
23.12 Sul post odierno di Grillo: "È demagogico e stumentale tirare in ballo i poliziotti da colui che due anni fa invitava i militanti no Tav a picchiare i poliziotti". Floris: "Grillo non diceva proprio così".

23.10 "Se vuoi cambiare un gruppo dirigente non fai la protesta scenografica, vai a votare. A Genova il Vaffa day, il giorno dell'insulto: rabbia, polemica, zero proposte. Primarie: quasi 3 milioni di persone vanno a votare, è il Welcome day".
23.07 Renzi: "Il parlamento è legittimo, lo dice la stessa Corte Costituzionale. Qualcuno dica a Grillo che siccome la Consulta ha bocciato anche le liste bloccate allora in base al suo ragionamento sarebbero abusivi anche i suoi, quindi eviterei di entrare in questa dinamica".
23.07 Sul ministro Cancellieri: "Credo che sia stato un errore tenerla lì. Cancellieri ha dato l'idea che la legge non sia uguale per tutti. Sono stato eletto non per decidere su un ministro ma per cambiare il Paese. Non è che sono qui per prendermi una rivincita".
23.06 Su Brunetta: "È come un orologio rotto, due volte al giorno dice una cosa giusta".
23.05 Renzi dice che la nuova legge elettorale dovrà conferire potere a chi vince e garantire di non fare più gli inciuci.
23.04 Renzi spiega che domani Letta chiederà la fiducia "su un programma generale che deve diventare concreto in un mese". Poi assicura che entro il voto delle Europee (maggio prossimo) si dovrà fare un piano del lavoro e la riforma elettorale.
23.03 Renzi cita il caso della Regione Piemonte. Su Letta: "Enrico Letta è il premier del Paese e deve fare in un anno le cose che ci siamo detti di fare. Deve passare dalle parole ai fatti".
23.01 Alcune cose sono indiscutibili perché lo hanno detto gli elettori: per esempio il taglio di 1 miliardo ai costi della politica.
23.00 Renzi cita i deputati dei 5 stelle non all'altezza, che parlano di sirene, e che "se fossero del Pd io avrei proposto il tso".
22.58 Renzi: "C'è un problema di gruppo dirigente che riguarda banche, scuole, università. Io non ho preso persone a caso o esordienti, ma persone con esperienza e con un breve passato. Io ho detto loro 'giochiamocela', le cose le facciamo insieme".
22.56 "Non è il correntismo che guida il Pd. In questi anni nel Pd si faceva la guerra tra correnti".

22.54 Renzi: "Bersani mi ha mandato un messaggino, è stato molto carino".
22.52 Renzi: "Penso che far politica sia un'esperienza fantastica. A me piace l'idea di provarci, di rischiare. Allora sembra impossibile sfidare Bersani ed infatti non vinsi. A quel tempo molti mi dissero di andare via, di fondare un altro partito. Io invece sono rimasto, leale. Gli italiani non hanno voglia di nuovi partiti dei singoli leader. Io mi sento un vincente? Io so che cosa è il rumore della sconfitta. L'anno scorso dopo aver perso il mio cellulare non squillava più, ora non riesco rispondere a tutti i messaggi".
22.50 Renzi esordisce dicendo che "se non cambiamo, stavolta i cittadini ci vengono a prendere".
22.49 Entra in studio Matteo Renzi (l'intervista è registrata).

22.45 Pubblicità.
22.43 Naldini lancia l'appello benefico.

22.40 Lazar: "Berlusconi cerca di giocare la carta del leader opposto a tutti, ma cerca anche alleanze. Il centrodestra dovrà pensare chi sarà il leader del futuro. Ma la domanda più interessante è: chi userà l'eredità di Berlusconi? Renzi è il figlio di Berlusconi a livello comunicativo".
22.36 Si parla di Berlusconi ora, con un servizio ad hoc.

22.34 Il finto sondaggio di Cucciari.

22.34 "D'Alema ha lasciato la politica: ha appeso la spocchia al chiodo".
22.29 Geppi Cucciari in collegamento da Bologna dove è in corso una serata di beneficenza per i comuni sardi colpiti dall'alluvione. L'attrice ironizza su Renzi, Bersani e D'Alema:

Dei 15 bambini nati ieri, 7 sono stati chiamati Matteo, gli altri sette direttamente Renzi.


22.26 Secondo Mieli questo momento storico assomiglia al secondo dopoguerra: una nuova generazione ha le redini del Paese. Ma in quel momento c'erano tre grandi tutori che provenivano dal passato: De Gasperi, Togliatti e Nenni.
22.26 Monti: "L'Italia è leader nella produzione di prodtto Dop; dobbiamo valorizzare il prodotto Dop".
22.20 Un servizio sull'importazione del pesce in Sardegna. Ma anche della carne, così come di farina e di molti altri prodotti (e materie prime) venduti in Italia.
22.19 De Magistris: "Bisognerebbe parlare del tema del pubblico. Noi a Napoli abbiamo deciso di non privatizzare". De Magistris sostiene che la migliore legge elettorale sia quella dei sindaci.
22.16 De Magistris: "La vera rivoluzione la si governando ed è la cosa più complicata".
22.14 Cattaneo: "L'ispirazione al Porcellum è arrivata dalla regione Toscana". Picierno: "È stato lo statista Calderoli".
22.12 Picierno ribadisce che il sostegno al governo da parte del Pd è subordinato ad una serie di condizioni.
22.08 Un servizio introduce il tema della sentenza della Corte Costituzionale sul porcellum.
22.07 Le coalizioni.

22.06 Le intenzioni di voto.


22.06 Il prossimo Premier.

22.04 A chi dare la fiducia?

22.03 Quale l'alleanza più naturale?

22.02 Chi sarà l'avversario di Renzi?

22.01 I sondaggi.

21.56 Pubblicità.
21.54 Luigi Naldini, direttore dell’Istituto San Raffaele-Telethon di Milano: "La protesta di piazza è difficile da gestire, è pericolosa, ma la rabbia è comprensibile".
21.53 Per Lazar ora Renzi, dopo aver vinto, deve convincere.
21.50 Marc Lazar: "È una situazione molto tesa in Italia, c'è una crisi della politica, crisi economica, c'è un rigetto delle classi dirigenti. I politici devono essere responsabili, perché non si sa dove può andare a finire. Berlusconi e Grillo fanno a gara per chi essere più antisistema".

21.48 Monti: "C'è tanto disagio, la stanchezza di 5 anni di crisi, ma vediamo anche un'Italia che gioca e vince in tanti mercati del mondo"
21.45 Con un servizio si cambia argomento parlando appunto della protesta dei forconi.
21.44 Padellaro nota che "Berlusconi, che ha creato i forconi, ora li riceve".

21.43 De Magistris: "Renzi non è un rivoluzionario, perché è un uomo di partito, ma è una bella notizia la sua vittoria alle primarie. Ora abbiamo bisogno di fatti, di forte radicalità nel Paese".
21.42 Picierno rivendica che "per la prima volta abbiamo un gruppo di ragazzi e ragazze scelti in base alle competenze e non sulla base delle correnti". Cattaneo si complimenta con Renzi per il risultato delle primarie.
21.39 Picierno: "il primo atto ufficiale di Matteo è stato andare con il Premier e confrontarsi con lui e assicurare la lealtà del Pd. Saremo leali ad alcune condizioni".
21.35 I consigli di Mieli: "Renzi non deve fare annunci; se fa gli annunci deve farli a tempo, con una data entro la quale vanno misurati, comunque non oltre 3 mesi; non deve mai più parlare della legge elettorale, deve farla".

21.33 Mieli: "Con Renzi cambierà tutto perché questa generazione che si affaccia è per la prima volta davvero nuova; non hanno padrini alle loro spalle".
21.28 Alla fine Renzi canta Grease. Intanto parte il primo servizio sulla vittoria del sindaco di Firenze delle primarie.
21.26 Poi tocca a Renzi che vuole scrollarsi quel senso di Pd.

21.24 Crozza imita Grillo.
21.22 Sulla protesta dei forconi: "Vogliono bloccare l'Italia con i tir. Non è meglio il metodo classico? Ti fai eleggere e blocchi il Paese".
21.19 È il momento di Maurizio Crozza.

21.15 Pubblicità.
21.14 Floris presenta gli ospiti in studio. C'è anche Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia, del Pdl.
21.11 Collegamento da Bologna per ascoltare la sigla di Ballarò interpretata da Paolo Fresu e dall'orchestra.

21.10 Inizia la diretta. Con Floris c'è Matteo Renzi, che tra un po' sarà intervistato. Il segretario del Pd si dice un po' preoccupato per i forconi in quanto "è una protesta un po' strana".

Questa sera su Rai3 alle ore 21.05 torna l'appuntamento con Ballarò, il talk show condotto da Giovanni Floris. In primo piano ci saranno i temi legati all'attualità politica, con il pieno di voti fatto alle primarie da Matteo Renzi, alla nuova fiducia al Governo Letta da votare domani e ai movimenti di Silvio Berlusconi e Beppe Grillo. Ospiti in studio saranno Pina Picierno della nuova segreteria del Pd, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il presidente della nuova ICE (Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione) Riccardo Monti, lo storico e politologo francese Marc Lazar, lo scienziato Luigi Naldini direttore dell’Istituto San Raffaele-Telethon di Milano, il direttore del Fatto quotidiano Antonio Padellaro e il presidente di Rcs libri Paolo Mieli. In collegamento da Bologna il jazzista Paolo Fresu interpreterà la sigla del programma nel corso di un concerto-spettacolo di solidarietà per i Comuni alluvionati della Sardegna. In apertura di puntata la consueta copertina satirica di Maurizio Crozza.
PolisBlog seguirà in liveblogging tutta la puntata.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO