Bossi prosciolto: il gestaccio all'inno nazionale non è reato

La Procura di Venezia ha deciso, stabilendo che il gesto del dito medio di Umberto Bossi contro l'inno nazionale non può configurarsi come vilipendio, un reato punibile fino a tre anni di reclusione. La motivazione, espressa dal procuratore aggiunto della Repubblica di Venezia Carlo Mastelloni, è che non si tratti di espressioni collegabili all'esercizio delle funzioni ministeriali, come stabilito anche dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione in materia.

Mastelloni ha dunque proposto l'archiviazione del procedimento al Tribunale dei ministri, congiuntamente con l'altro procuratore della Repubblica Vittorio Borraccetti, realizzando in certo qual modo la previsione dell'ex-Guardasigilli Roberto Castelli che fin dall'inizio aveva affermato che non si potesse ravvisare alcunché di penalmente rilevante in quella che si configurava come una semplice opinione personale. Va infatti sottolineato che il reato di opinione è stato abolito in via definitiva proprio dal governo in cui Castelli era Ministro della Giustizia.

Si delinea così la fine di un caso montato ad arte dall'opposizione, ma anche dallo stesso leader leghista, che da fine stratega è riuscito anche stavolta ad attirare l'interesse dei media sul proprio partito, secondo una tattica collaudata. Fin dalla nascita infatti, la Lega è riuscita a compensare il boicottaggio degli organi di informazioni con manifestazioni di pensiero roboanti e questo le è valsa grande popolarità e notorietà. Anche ora che la situazione è sensibilmente mutata il partito bossiano non rinuncia a perseverare in una linea che continua a pagare in termini elettorali.

Per concludere sottolineiamo le sostanziali differenze che sono state ravvisate tra questo caso e quello simile in cui Bossi fu perseguito, all'epoca della famosa affermazione "la bandiera la uso per pulirmi il c..." In quell'occasione il senatùr fu invece condannato in via definitiva nel 2007 per reato di vilipendio alla bandiera (poi indultato).

  • shares
  • Mail
116 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO