Austria. Il nuovo ministro degli Esteri ha 27 anni

Sebastian Kurz, classe 1986, è il più giovane ministro degli Esteri europeo


Altro che Matteo Renzi, diventato segretario Pd a 38 anni, o la nuova segreteria del Partito Democratico con età media 35 anni. Niente in confronto a quello che è successo oggi in Austria, dove è stato nominato nuovo ministro degli Esteri Sebastian Kurz. Classe 1986, a 27 anni Kurz è il più giovane ministro della storia austriaca e il più giovane ministro degli Esteri europeo.

Il rinnovato governo austriaco, formato dai socialdemocratici del Spoe e dai popolari dell'Oevp, ha infatti attraversato un piccolo rimpasto dopo le elezioni del 29 settembre che hanno riconfermato la grande coalizione. Ora l'ormai ex ministro degli Esteri, il vicecancelliere e segretario dei popolari Michael Spindelegger, è passato a ricoprire il ruolo di responsabile del ministero delle Finanze. Al suo posto è stato nominato Sebastian Kurz, che attualmente ricopre l'incarico (che manterrà) di sottosegretario all'integrazione.

27 anni, dell'Oevp, è considerato l'enfant prodige della politica austriaca e su di lui i giornali in patria hanno scritto molto, non sempre a favore. Anzi, in molti hanno contestato a Kurz di sfruttare la sua età e il suo aspetto aitante senza avere particolari meriti, ma questo non ha fermato la folgorante ascesa del giovane
studente di giurisprudenza, che da lunedì prenderà in mano la diplomazia autriaca.

L'attività politica di Kurz è cominciata solo nel 2009, quando è stato nominato presidente dell'associazione giovanile dei popolari austriaci. L'anno successivo è entrato nel consiglio municipale di Vienna, città in cui è nato. Nel 2011 è stato nominato a capo del neonato dipartimento per l'Integrazione, un ramo del ministero degli Interni. Alle elezioni dello scorso settembre è entrato per la prima volta in Parlamento.

Foto: oevp-wien.at

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO