Elezioni politiche 2013: nuove liste al via, pronti De Magistris e Tremonti

Lista Tremonti
Il panorama politico per le prossime elezioni si fa quantomai affollato: oltre ai partiti attualmente presenti in Parlamento e a quelli di vecchia data che aspirano a tornarci, oltre al Movimento 5 Stelle e alla nascente "Cosa Bianca", oltre al progetto di Oscar Giannino e al partito Alba, altre due novità si affacciano alla ribalta, guidate da due vecchie conoscenze: Luigi De Magistris e Giulio Tremonti.

L'idea del sindaco di Napoli non è nuova, ma nell'intervista di oggi a La Zanzara su Radio 24 è stata ribadita: una lista "arancione" sponsorizzata dai sindaci che hanno vinto nel 2011, quindi lo stesso De Magistris e Pisapia. In realtà non si tratterà di un partito con i sindaci candidati, anche perché i sindaci delle grandi città per legge non possono candidarsi al Parlamento: si tratterà invece di una lista "sponsorizzata" dai sindaci, che non appoggerà necessariamente uno schieramento ma presenterà delle istanze "civiche" al prossimo governo.


Più tradizionale e articolato il progetto con cui Tremonti sta preparando il suo ritorno in politica. Dopo aver ufficializzato il suo addio al Pdl, con cui di fatto i rapporti erano interrotti dalla caduta del governo Berlusconi, l'ex superministro sta mettendo insieme una squadra di fedelissimi per presentarsi al voto con una lista fuori dai grandi schieramenti, che però avrebbe un grande estimatore in Vaticano, il Segretario di Stato Tarcisio Bertone, e in una parte di CL.

Quasi a voler dar ragione a chi, all'interno del Pdl, gli dava del socialista, Tremonti è deciso a tornare alle origini e così ha chiamato come ideologo del nuovo movimento l'ex ministro socialista Rino Formica, presidente di "Socialismo è libertà". Oltre a lui, ci sarebbero anche gli ex sindaci di Milano Paolo Pillitteri (cognato di Bettino Craxi) e Carlo Tognoli, e il prodiano Gianni Pecci, ideatore del pullman dell'Ulivo, che curerà la comunicazione del nuovo soggetto politico. Per quanto riguarda la collocazione, Tremonti non starà né con il Pdl né col Pd ed è improbabile un riavvicinamento alla Lega, ma le comuni radici cattoliche potrebbero avvicinarlo alla Cosa Bianca, se mai si farà. Per ora, Tremonti balla da solo.

Foto |TMNews

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO