Newsweek elogia Berlusconi: "Miracolo in 100 giorni"

Ok, bisogna essere coerenti: gli osservatori internazionali o ci piacciono o non ci piacciono. Non possono essere di nostro gradimento solo quando parlano bene di noi. Il Pdl, di questo, prenda nota. Perchè succede, oggi pomeriggio, che le agenzie battono la traduzione di un pezzo di Newsweek sul governo Berlusconi dal titolo "Miracolo in 100 giorni" ed è subito pioggia di dichiarazioni di esultanza da parte dei peones forzisti pronti a bacchettare l'opposizione: avete visto come si parla bene di noi all'estero? strumentalizzando, così, quei giornali definiti fino a due giorni fa poco obiettivi o, nel peggiore dei casi, "mistificatori della realtà".

Il settimanale americano, nella sostanza, dice che Berlusconi, nei suoi primi 100 giorni al potere ha compiuto l'impossibile: "ha stabilito un controllo su questa apparentemente ingovernabile nazione a un livello senza precedenti nella moderna storia italiana". Cita, quindi, a titolo esemplificativo il caso dei rifiuti di Napoli e il pugno fermo in materia di sicurezza nella lotta alla criminalità. Spiega, così, che in Italia il premier "ha un'approvazione del 55%, superiore a quella di Gordon Brown in Gran Bretagna, Nicolas Sarkozy in Francia e Josè Luis Rodrìguez Zapatero in Spagna".

Eppure, secondo Newsweek, Berlusconi "deve ancora trovare il modo di mantenere le sue promesse di tagliare le tasse o stimolare la crescita perchè agli italiani interessa "la stabilità economica". E, per questo, "eliminare la spazzatura e perseguitare gli immigrati non sarà sufficiente" dato che al momento - fa notare il settimanale - "pagano le tasse più alte d'Europa e hanno i salari più bassi". La vera popolarità del premier, insomma, si potrà misurare realmente solo tra qualche tempo. Ecco perchè "miracolo", forse, non è la parola giusta.

  • shares
  • Mail
56 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO