Elezioni Regionali Sardegna 2014: tutti i candidati in corsa

Il Pd punta su Pigliaru, salta tutto nel Movimento 5 Stelle.

Elezioni Europee 2014 | Data

Per le elezioni regionali in Sardegna del 2014 si voterà il 16 febbraio. I cittadini sardi voteranno per il rinnovo del Consiglio regionale e l’elezione del presidente della Giunta, quindi, con due settimane di anticipo rispetto alla data precedente ventilata, quella del 2 marzo, che non piaceva per la sovrapposizione con la domenica di Carnevale. Un decreto ha stabilito come saranno ripartiti i 59 seggi assegnati in queste elezioni regionali: 20 i seggi spettanti alla circoscrizione di Cagliari, 12 a Sassari, sei a Nuoro e a Oristano, quattro nel Medio Campidano, quattro Carbonia Iglesias, due per l'Ogliastra e cinque a Olbia Tempio.

La domanda più importante resta però una: chi sono i candidati? Per il centrodestra è ormai ufficiale la ricandidatura del governatore in carica, Ugo Cappellacci, che verrà presentato ufficialmente il 30 dicembre a Cagliari, insieme a coalizione e programma. Situazione più complessa nel Partito Democratico, in cui la vincitrice delle primarie Francesca Barracciu ha deciso di ritirarsi dopo un colloquio con il segretario Matteo Renzi. Dopo giorni di confusione, nel Pd è tornato il sereno nel momento in cui si è deciso all'unanimità di puntare su Francesco Pigliaru, sassarese di 59 anni prorettore dell'Università di Cagliari. Le sue priorità? Le pari opportunità per tutti e la difesa del Piano paesaggistico regionale.

Si candiderà anche Michela Murgia, la scrittrice vincitrice del premio Campiello sarà candidata con la coalizione Sardegna Possibile. Nel Movimento 5 Stelle è saltato tutto, tra divisioni interne e troppe difficoltà nel mettersi d'accordo sul da farsi, Beppe Grillo ha deciso di non concedere l'utilizzo del simbolo. Il primo partito nell'isola, che alle Politiche prese il 28%, non ci sarà.

Completano la rosa Pier Franco Devias per il Fronte Unidu Indipendentista e l'avvocato Cristina Puddu per la lista indipendentista di Meris, che però hanno presentato meno firme di quelle richieste e sono a rischio esclusione. In corsa anche il deputato ex Pdl Mauro Pili, per la formazione moderata e sardo-autonomista Unidos e l'insegnante ex sardista Gigi Sanna per una parte dei movimenti per la Zona Franca (che puntano a una fiscalità di vantaggio per la Sardegna).

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO