Decreto Balduzzi, l'ipocrisia delle slot machine "lontane" dai giovani

Il decreto Balduzzi, un'altra delle trionfali e rivoluzionare "riforme" del Governo Monti, non riguarderà soltanto le sigarette e le bibite gassate, ma anche le slot machine. Le macchinette mangia-soldi a cui migliaia di italiani si incollano ingrossando i bilanci dello Stato non potranno più essere installate in locali a meno di 500 metri da scuole, centri giovanili e più in generale luoghi che preferenzialmente ospitano ragazzi ai quali sarebbe in ogni caso precluso l'utilizzo di slot e videopoker.

L'ipocrisia di una misura "anti gioco d'azzardo" di questo tipo è evidente: se il gioco è già vietato per i minorenni che senso ha danneggiare i tabaccai e gli altri esercenti che le hanno installate (e lo vorrebbero installare) soltanto sulla base della distanza da luoghi frequentati da giovani?

La misura ricorda quella che qualche anno fa impose ai distributori automatici di sigarette l'abilitazione all'acquisto previo controllo della tessera sanitaria fino alle 21, come se i minorenni andassero ancora tutti "a letto dopo Carosello" e nelle prime ore della sera non potessero più trovarsi di fronte ad un distributore. Quell'assurdità venne corretta solo dopo qualche mese, con l'obbligo di "strisciare" la tessera sanitaria o una delle nuove carte d'identità elettroniche per verificare l'età dell'acquirente ampliato alle 24 ore, ed è certamente positivo l'inasprimento delle pene per i tabaccai che vendono pacchetti di "bionde" ai minorenni contenuta proprio nel Decreto Balduzzi.

Ora però è inevitabile sorridere (se non si hanno legittimi interessi economici legati ai videopoker e alle slot) nel sentire dell'ipotesi di questo allontanamento coatto di 500 metri imposto dal ministro per la sanità nel suo progetto di riforma.

Come di consueto bisognerà vedere cosa verrà effettivamente approvato dal Parlamento e in molti sostengono che questa misura non si applicherà in maniera retroattiva consentendo ai tabaccai e i baristi che hanno la sfortuna di trovarsi di fianco ad una scuola di lasciare le macchinette (lo ripetiamo, frutto di lauti guadagni per lo Stato-biscazziere attraverso le imposte) lì dove sono.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO