Gerusalemme: Kerry torna con l'appoggio del re saudita

Kerry sui negoziati israelo-palestinesi: "Il sovrano saudita appoggia i nostri sforzi, nella speranza che possiamo avere successi nei prossimi giorni".

Usa hanno l'appoggio saudita

John Kerry, segretario di stato americano, ieri sera è tornato a Gerusalemme, dopo aver visitato la Giordania e l'Arabia Saudita. E ha portato con sé buone notizie: "Abbiamo l'appoggio del re saudita Abdullah" per trovare una soluzione "giusta ed equilibrata" al conflitto israelo-palestinese. Kerry ha parlato tre ore, a Riad, con il monarca dell'Arabia, illustrandogli l'iniziativa di pace lanciata nel 2002 che "fa parte del quadro che noi abbiamo tentato di mettere insieme sia nell'ispirazione, che nella sostanza".

"Il sovrano appoggia i nostri sforzi nella speranza che possiamo avere successo nei prossimi giorni". Kerry è alla sua decima missione nella regione dal marzo scorso. In Giordania, invece, c'era stato il summit con Re Abdallah. Ma è soprattutto l'Arabia Saudita a poter giocare un ruolo di primo piano nei tentativi di trovare una soluzione al conflitto tra israeliani e palestinesi.

Proprio da questi ultimi sono arrivati segnali positivi che Kerry non mancherà di sottolineare incontrando la controparte israeliana. Il capo negoziatore dell'Autorità Nazionale Palestinese, Saeb Erekat, ha infatti spiegato: "Nessuno beneficerebbe più dei palestinesi di un successo negli sforzi da parte del segretario americano John Kerry. E nessuno più dei palestinesi avrebbe da perdere da un fallimento".

Kerry, tra una settimana, dovrebbe incontrare un gruppo di ministri degli Esteri di vari Paesi arabi. E non è escluso che entro gennaio ci sia un'altra missione a Gerusalemme. Anche perché, finora, Israele ha sempre detto di no al piano di sicurezza proposto dagli americani e che riguarda la valle del Giordano. Youval Steinitz, ministro delle Relazioni internazionali, ha fatto sapere: "La sicurezza deve rimanere nelle nostre mani. Chi propone una soluzione tendente al dispiegamento di una forza internazionale, di agenti di polizia palestinesi e di mezzi tecnologici non comprende nulla del Medioriente".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO