Venezuela: ex Miss uccisa, opposizione accusa e chiede piano di sicurezza

Accuse al governo, che anticipa la Conferenza sulla sicurezza a oggi.

Ex Miss Venezuela e attrice

In Venezuela si piange ancora per l'omicidio dell'ex Miss e attrice di telenovela, la 29enne Monica Spear Mootz, e del marito di origine irlandese, il 39enne Thomas Henry Barry. Ma c'è anche chi chiede un "piano per la sicurezza". Sono le opposizioni, che sono letteralmente insorte dopo il tentativo di rapina, finito male, su un'autostrada vicino alla città di Puerto Cabello.

Con la coppia c'era anche la figlia di 5 anni, ferita in modo lieve a una gamba. Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha deciso di anticipare a oggi la conferenza nazionale sulla sicurezza, originariamente prevista per la fine del mese di gennaio. Un tentativo di placare le accuse piovute contro il governo, in particolare da uno dei leader dell'opposizione, Leopoldo Lopez.

Quest'ultimo ha apertamente accusato Maduro e il suo esecutivo per la morte della famosa attrice. La stampa locale così ha ricostruito l'episodio: Monica attendeva il soccorso stradale insieme al marito e alla figlia quando sono sopraggiunti i rapinatori - killer. La polizia di Puerto Cabello ha arrestato cinque persone sospette, alcune delle quali minorenni.

Alla conferenza sulla sicurezza di oggi parteciperanno i governatori dei singoli Stati venezuelani e i sindaci delle 79 città più pericolose del Paese. Il Venezuela, secondo il rapporto delle Nazioni Unite, è al quinto posto nel mondo per maggior tasso di omicidi. Questa volta, però, a rimetterci è stata l'ex Miss, troppo famosa per non scatenare polemiche politiche.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO