USA 2012: Paul Ryan promette 12 milioni di posti di lavoro


La convention repubblicana di Tampa si avvia alla conclusione, e in attesa dell'intervento finale del candidato Mitt Romney e la presenza di un misterioso mister X (si parla di Clint Eastwood), nella notte è stata la volta di Paul Ryan, il giovane candidato alla vicepresidenza che ha infiammato la platea pronunciando quello che finora è stato il discorso più duro contro Barack Obama.

D'altronde Ryan ha conquistato la notorietà (e la candidatura alla vicepresidenza) grazie alla durissima opposizione al piano Medicare per la copertura sanitaria, cavallo di battaglia di Obama ma fortemente osteggiato da una buona parte dell'elettorato. E alla convention non ha deluso le attese mettendo in evidenza la situazione critica dell'economia americana e addossando tutte le colpe sul presidente in carica "È al governo da quattro anni, non è arrivato il momento che si assuma le responsabilità per ciò che fa?".

Se finora gli interventi alla convention erano stati meno duri del previsto contro Obama, Ryan ha rimediato. Il presidente ha "scarse competenze", "carenza di leadership" e incapacità di prendersi la responsabilità dei "23 milioni di americani senza lavoro" e 1 su 6 in povertà. E ha promesso che, se eletto, metterà fine all'Obamacare e alla spesa pubblica, che non andrà oltre il 20% del pil.

E poi la promessa elettorale con cui Obama dovrà fare i conti: 12 milioni di posti di lavoro creati nei prossimi 4 anni, questo l'impegno di Ryan, che ha trascinato il parterre di delegati con quello che con ogni probabilità lo slogan della campagna per le presidenziali di novembre e che sfiderà lo "Yes we can" del 2008: "We can do this", noi possiamo riuscirci, ripetuto da Ryan e poi da tutti i presenti.

Ma Paul Ryan non è l'unico leader emergente dei repubblicani. Alla convention di Tampa ha fatto parlare di sé anche Aaron Schock (nel video), classe 1981 deputato dell'Illinois, conservatore al 100% con una venerazione per Ronald Reagan. A Tampa, Schock ha perorato la causa delle nuove generazioni invitando a spendere meglio i soldi. Se Romney diventasse presidente. Schock potrebbe entrare nel suo governo a neanche 32 anni.

Video |© TMNews

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO