Promise zones, Obama lancia le aree contro la povertà

Il presidente degli Stati Uniti ha ufficializzato la creazione di zone che prevede incentivi fiscali e aiuti alle comunità

Si chiamano “promise zones”, letteralmente zone delle speranza, le cinque aree lanciate ieri dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama per contrastare l’ondata di povertà che ha colpito l’America durante i suoi due mandati presidenziali. Sono San Antonio (Texas), Philadelphia (Pennsylvania), Los Angeles (California), la parte sudorientale del Kentucky e Choctaw Nation, la tribù di nativi americani riconosciuta a livello federale e presente sul territorio dell’Oklahoma.

Sono queste le “zone calde” che potranno godere di incentivi fiscali e di aiuti specifici riservati a determinate comunità. A queste cinque aree, se ne aggiungeranno altre quindici che verranno successivamente individuate.

Il percorso della vita di un bambino dovrebbe essere determinato non dal codice di avviamento postale in cui è nato ma dalla forza della sua etica di lavoro. Il denaro non può certo sostituire l’amore di un genitore… ma… quando le comunità lavorano insieme, possiamo fare la differenza. Chiunque lavori sodo in questo Paese ha la chance di avere successo,

ha dichiarato il presidente Usa illustrando l’intento delle partnership con le comunità locali individuate nella politiche di abbattimento della povertà. Fra le varie iniziative vi saranno aiuti per bambini in età prescolare di famiglie svantaggiate, partnership fra il Saint Philip’s College e le aziende presenti nell’area di San Antonio e una focalizzazione della formazione in ambito tecnico nella zona di Los Angeles. Nella zona della Choctaw Nation, si lavorerà a un rafforzamento programma di alfabetizzazione precoce. In attesa di espandere altrove questo modello di Welfare.

Via | New York Times

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO