Carlo Giovanardi: «Berlusconi merita un francobollo. Com'è successo con Giolitti, Mussolini, Nenni...»

Silvio Berlusconi e Carlo Giovanardi

Carlo Giovanardi dà spettacolo aLa Zanzara, quando parla di Silvio Berlusconi.

Nel corso dell'intervista radiofonica, Cruciani non vede l'ora che il suo interlocutore dica qualcosa di gustoso. Così, lo stuzzica.

E il Senatore del Pdl non si tira di certo indietro: dopo aver spiegato che Mussolini i francobolli li ha avuti in vita e che per Berlusconi non si può, perché la legge italiana ora lo impedisce, e dopo aver sottolineato che Mussolini, da morto, i francobolli non li ha più avuti, ha chiarito il suo pensiero:

«Oggettivamente, ha fatto la storia dell'Italia di fine '900, primi 2000, nella vita politica italiana: Berlusconi sarà come Giolitti, e come Mussolini, come De Gasperi. Personaggi che nel bene e nel male hanno fatto la storia d'Italia. Come sono stati ricordati Nenni, De Gasperi, Togliatti… E' la storia d'Italia».».

Insomma, Giovanardi non ci vedrebbe nulla di scandaloso se, in futuro, venisse ricordato l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: «E' la storia d'Italia», dice.

Il senatore si prodiga anche di consigli nei confronti di Berlusconi: ha suggerito al Cav di dedicarsi alla filatelia, un po' come fa lui e come ha fatto Roosvelt, come ha fatto Andreotti.

E' evidente che Giovanardi crede a tutto quello che dice, e la cosa rende difficile commentare il tutto.

Il momento clou dell'intervista, comunque, si ha quando il senatore si trova a dover dare ragione a Bersani (che pure fa afferire alla tradizione comunista) quando da dei fascistelli a certi grillini.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO