Grecia: Syriza primo partito nei sondaggi

Debt Wracked Greece Prepares For Critical General Election
Syriza aumenta i consensi nei sondaggi. A riportarlo, oggi, è l'agenzia Reuters, che ha ripreso un'indagine pubblicata dal quotidiano ellenico Efimerida Ton Syntakton.
Il partito di Alexis Tsipras, se si votasse oggi, otterrebbe il 31,5% dei voti, con un vantaggio di 3,5 punti su Nuova Democrazia.

Dunque, il partito del primo ministro Antonis Samaras non riesce a recuperare lo svantaggio accumulato negli ultimi mesi. Intanto le elezioni europee sono molto vicine e i conservatori sono sempre più in apprensione. Se Syriza dovesse incrementare ancora i consensi, sarebbe a rischio la stabilità del governo di larghe intese greco.

L'esecutivo, guidato da Samaras, paga le politiche di austerity, imposte dalla Troika, e i numerosi scandali di evasione fiscale che hanno coinvolto la maggioranza. Inoltre, Samaras sta puntando su una strategia elettorale discutibile, basata unicamente sull'autocelebrazione e la denigrazione dell'avversario. A riguardo, segnaliamo che l'ufficio stampa di Nuova Democrazia sforna quotidianamente comunicati, che dipingono Tsipras come il capo di un'organizzazione terroristica.

Ad incidere negativamente sul gradimento di Nuova Democrazia, potrebbero essere state anche le dichiarazioni di Samaras a Strasburgo. Il capo del governo ellenico, al Parlamento europeo, ha lodato la Ue e ha preconizzato grandi sviluppi per l'economia del suo paese. Molti analisti, però, leggono le previsioni del premier in un modo diverso da quello dei media mainstream. Hanno paventato, infatti, l'ipotesi che il rilancio dell'economia abbia a che vedere con un ritorno della Grecia sui mercati finanziari, con l'aiuto dell' Esm (Meccanismo europeo di stabilità, meglio conosciuto come Fondo salva Stati).

Tutto ciò, oltre ad essere molto rischioso, lascia prevedere nuove politiche di tagli alla spesa sociale e non aumenta l'ottimismo del popolo ellenico, decisamente più attento all'economia reale. Ricordiamo, a tale proposito, che in Grecia si riscontra un 27% di disoccupazione e il 44% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà.

Tsipras, per parte sua, sta conducendo un'ottima campagna per le europee. Il suo partito, pur avendo elementi molto radicali al suo interno, continua a fare proposte concrete. Inoltre, si differenzia dalle formazioni populiste euroscettiche, perché non cavalca proposte demagogiche, come l'uscita dall'euro. Syriza suggerisce un modello europeista alternativo, basato sulla solidarietà e sul lavoro.

Syriza si sta dimostrando capace di ottenere consensi anche al di fuori dei confini nazionali. Una significativa fetta dell'elettorato di sinistra europeo simpatizza con il partito greco.
In Italia si continua a discutere sull'opportunità di una Lista Tsipras, dopo l'appello lanciato da Andrea Camil­leri, Paolo Flo­res d’Arcais, Luciano Gal­lino, Marco Revelli, Bar­bara Spi­nelli e Guido Viale. La lista si prefigge di sostenere, come presidente della Commissione europea, il leader della sinistra greca.

Infine segnaliamo che, secondo il sondaggio di Efimerida Ton Syntakton, Alba Dorata è in ripresa. Sarebbe passata da un 8% ad un 10% nei consensi. Ricordiamo che il partito neonazista aveva subito una flessione nei sondaggi, durante l'ultima parte del 2013. Il decremento era stato causato dall'arresto di tutta la sua classe dirigente, in seguito alla vicenda dell'omicidio del rapper anti-fascista, Pavlov Fyssas.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO