Elezioni Europee 2014: Tsipras detta le condizioni per una lista italiana

GERMANY-GREECE-POLITICS-FINANCE-TSIRPAS


Il leader di Syriza, Alexis Tsipras, ha risposto positivamente all'appello lanciato da Andrea Camilleri, Paolo Flores d’Arcais, Marco Revelli, Barbara Spinelli, Guido Viale e Luciano Gallino. Segnale che lascia presagire l'arrivo di una "lista Tsipras", in Italia, per le elezioni europee 2014.

Il candidato alla presidenza della Commissione europea, per lo schieramento di Sinistra Unitaria, ha scelto di rispondere all'appello sul quotidiano Il Manifesto. La lettera è stata inviata sia ai promotori sia al partito di Rifondazione Comunista, soggetto che fa parte dello stesso gruppo parlamentare europeo di Syriza.

Tsipras si è mostrato lusingato dal fatto che un pezzo di società civile italiana lo sostenga. Nel fare il punto sul vecchio continente, inoltre, ci ha tenuto a palesare una piena sintonia con i promotori. Per questo motivo ha citato sia lo scrittore Andrea Camilleri ("L'Europa è stata il regno della creatività, il regno dell'arte") sia il sociologo Luciano Gallino ([Il progetto europeo] è finito in un colpo di stato di banchieri e governi)".

Il leader di Syriza detta tre condizioni fondamentali per mettere in piedi il nuovo progetto. Condizioni che collidono, però, con i classici egoismi e particolarismi della sinistra italiana:

"La prima con­di­zione è che que­sta lista si costi­tui­sca dal basso, con l’iniziativa dei movi­menti, degli intel­let­tuali, della società civile.
La seconda con­di­zione è di non esclu­dere nes­suno. Si deve chia­mare a par­te­ci­parvi e a soste­nerla prima di tutto i sem­plici cit­ta­dini, ma anche tutte le asso­cia­zioni e le forze orga­niz­zate che lo vogliono.
La terza con­di­zione è di avere come spe­ciale e unico scopo quello di raf­for­zare i nostri sforzi in que­ste ele­zioni euro­pee per cam­biare gli equi­li­bri in Europa a favore delle forze del lavoro con­tro le forze del capi­tale e dei mer­cati. Di difen­dere l’Europa dei popoli, di met­tere freno all’austerità che distrugge la coe­sione sociale. Di riven­di­care di nuovo la democrazia"

.

Presupposti non facili da creare, alla luce anche di come finì l'esperienza di Rivoluzione Civile di Ingroia. Ricorderete che in quell'occasione le proposte dei movimenti e tutto il percorso fatto da Cambiare si può, furono malamente "cannibalizzati" dalle élite di partito. E confusi, inoltre, con un soggetto legalista come quello di Di Pietro, che poco aveva a che vedere con I No Tav e i Comitati per l'Acqua Pubblica.

Tuttavia, questa dovrebbe essere un'occasione da non lasciarsi sfuggire per la sinistra, soprattutto per Rifondazione Comunista. Nonostante le grandi divisioni interne del partito, gli iscritti di Rifondazione sanno che si presentassero da soli alle europee otterrebbero percentuali da prefisso telefonico. Inoltre, Tsipras è un personalità che sa trovare le parole giuste e spostare i termini del dibattito. Il leader greco si tiene alla larga dallo scontro, tutto mediatico, tra euroscettici populisti ed europeisti, promuovendo una nuova visione di Europa (solidale, che sappia mettere in campo un grande piano per l'occupazione).

Questo approccio, oltre ad un costante dialogo con i movimenti e i sindacati, ha permesso al leader greco di ottenere grandi consensi, nonostante le polemiche che Nuova Democrazia cerca di sollevare ogni giorno contro la sinistra ellenica. Le accuse del partito conservatore di governo sono molto pesanti: Syriza viene descritto, sovente, come un gruppo di terroristi. Tsipras ha sempre risposto con argomenti puntuali, e con proposte fuori e dentro il parlamento. Per questo il suo partito oggi è primo nei sondaggi in Grecia. Per il premier Samaras, dunque, le consultazioni del prossimo maggio potrebbero trasformarsi in un incubo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO