Delegazione parlamentare in India, le foto da campagna elettorale

Molti dei 16 parlamentari in missione in India si fanno fotografare come turisti con i Marò

Be-6xqTCUAEkOF3

E' evidente che si tratta di una questione di buona creanza: la "beneficienza" si fa, ma non si dice.

Si può riassumere così il commento, quasi doveroso, alla missione di 16 parlamentari italiani in India, dove in queste ore incontrano i militari italiani del Battaglione San Marco incarcerati nel paese asiatico e al centro di una complessissima vicenda diplomatica.

Nonostante sul merito di questa missione si erano alzate durissime polemiche, volte sopratutto ad interrogarsi sulla sua necessità (se ne occupano già il ministero degli Esteri, il ministero della Difesa e l'ambasciatore De Mistura) e sull'opportunità politico-diplomatica di un gesto simile (il tentativo di dare "una spallata" alle trattative ufficiali con non meglio precisate pressioni parlamentari sul governo e la Corte di Giustizia indiana), la missione ha avuto come motivazione ufficiale la necessità di portare solidarietà e vicinanza ai fucilieri di Marina.

Una missione che, lo dicono le agenzie stampa che riportano le dichiarazioni dei Marò, è stata umanamente apprezzata dai due ma che, in verità, ha tutti i connotati di una vera e propria "missione elettorale" alla quale tutti, pentastellati inclusi, hanno voluto fortemente partecipare.

Se pure non erano queste le intenzioni, visto che di elezioni non si può proprio parlare, è evidente che nel paese della "campagna elettorale permanente" alcuni comportamenti vadano sottolineati proprio per dare notizia di chi sia realmente interessato alla vicenda dei Marò e chi invece se ne interessa per meri scopi elettorali.

E così si assiste a questo fenomeno da social network:






Questa la delegazione italiana arrivata in India: Pier Ferdinando Casini, presidente commissione Esteri, Nicola Latorre, presidente commissione Difesa, i senatori Maurizio Gasparri (Forza Italia), Marcello Gualdani (Nuovo centrodestra), Riccardo Nencini (Partito socialista), Luis Alberto Orellana (M5s) e Antonio Fabio Maria Scarone (Gal). Dalla Camera: Fabrizio Cicchitto, presidente commissione Esteri, Elio Vito, presidente della commissione Difesa, i deputati Andrea Causin (Scelta civica), Edmondo Cirielli (Fratelli d’Italia), Daniele Del Grosso (M5s), Donatella Duranti (Sel), Gianluca Pini (Lega Nord), Domenico Rossi (Popolari per l’Italia) e Gian Piero Scanu (Pd).

Sono in molti a doversi rimettere in pista, visti i tempi di "ringiovanimento" nei partiti, visti i rischi di risultati da "zerovirgola", vista la posizione di "dissidenza" di qualcuno: rifarsi l'immagine sfruttando, in serie come se fossero ad un parco divertimenti, quella dei soldati italiani non è proprio un bel gesto.

Parliamo di educazione.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO