Sondaggi politici: chi vincerebbe con l'Italicum?

L'Udc è il vero ago della bilancia.

elezioni-comunali-20131-524x350

Chi vincerebbe le prossime elezioni se davvero si andasse a votare con l'Italicum? I primi sondaggi politici sono stati fatti dalla Ipsos di Nando Pagnoncelli e mostrano come la sfida continuerebbe a essere, soprattutto, tra centrosinistra e centrodestra. Con il Movimento 5 Stelle terzo incomodo di lusso. Quello che però forse non era stato previsto, nemmeno da Matteo Renzi, era che la spinta aggregativa che la nuova legge elettorale crea (vista la soglia di sbarramento alta per i partiti che corrono da soli, ma anche per le coalizioni meno importanti: 12%) avrebbe riportato l'Udc all'ovile del centrodestra berlusconiano.

E l'Udc è il vero ago della bilancia in questo momento. Stando a quanto dice il sondaggio pubblicato sul Corriere, infatti, l'Udc fa vincere il centrodestra se si allea con Forza Italia e Nuovo Centrodestra, mentre si va al doppio turno se l'Udc prova la carta - improbabile - della corsa solitaria. Chi vincerebbe al secondo turno non è dato sapere, difficile sondare una situazione del genere, anche se certamente qualche dato in questo senso prima o poi salterà fuori. Se l'Udc decidesse la corsa in solitaria, scrive il Corriere:

Si renderebbe necessario il turno di ballottaggio giacché nessun partito o coalizione raggiunge la soglia del 37%: il centrosinistra otterrebbe il 36%, il centrodestra il 34%, il M5S il 20,7% e il Centro il 5,4%.

Se invece l'Udc - ed è quanto con tutta probabilità avverrà - decidesse di tornare nel centrodestra abbandonando quel centro che ormai è definitivamente fallito come progetto politico, ecco che il centrodestra vincerebbe al primo turno con 37,9%. L'alleanza di centrodestra otterrebbe 326 seggi (259 a Forza Italia e 67 al Nuovo Centrodestra), rispetto ai 185 del Pd (unico partito del centrosinistra) e ai 106 del Movimento Cinque Stelle.

La beffa, per l'Udc, sta nel fatto che farebbe sì vincere il centrodestra, ma senza superare il 4,5% si troverebbe comunque fuori dal Parlamento. Che poi, al contrario, è quanto accadrebbe a Sel nel caso fosse il centrosinistra a vincere. Una situazione molto scomoda, perché mai questi partiti dovrebbero portare acqua al mulino degli alleati senza nessuna chance di entrare in Parlamento? Probabilmente in cambio dovranno ottenere qualche candidatura nelle liste del partito di punta, in modo da non sparire dal Parlamento dopo aver contribuito alla vittoria di uno o dell'altro partito.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO