Il 17 settembre riparte l'Area C a Milano

Dopo lo stop di due mesi imposto dal ricorso della Mediolanum Parking, riparte il provvedimento anti-smog di Milano voluto dal sindaco Giuliano Pisapia in seguito ai referendum del 2011, in cui i cittadini si erano espressi a favore della diminuzione del traffico nel centro città. E così il 17 settembre può ripartire versione B del pedaggio nei Bastioni, con un accordo che garantisca il funzionamento di Area C e la metta al riparo da altri eventuali attacchi legali.

Saranno introdotte alcune novità, tra cui i giovedì dello shopping (con telecamere spente alle 18 invece che alle 19.30). E' stato trovato anche un accordo con le autorimesse del centro storico (tariffa mista di circa 13 euro per il ticket più quattro ore di parcheggio) e arriverà il divieto d’accesso ai varchi per i mezzi pesanti più lunghi di 7,5 metri. Inoltre la sperimentazione è stata ridotta da 18 a 12 mesi, scalando i sei in cui è stata attiva, significa che l'Area C sperimentale resterà in vigore fino a metà marzo. Inoltre non ci saranno condoni per le multe "dubbie".

Le norme principali restano invece invariate:

- ticket da 5 euro;
- telecamere accese tra le 7.30 e le 19.30, dal lunedì al venerdì;
- accessi scontati per i residenti (2 euro per chi ha esaurito il bonus dei 40 ingressi liberi) e per i mezzi commerciali (3 euro);
- circolazione libera per moto e veicoli ecologici (elettrici, gpl, metano, ibridi).

Rimangono attive anche le agevolazioni per i veicoli di servizio, che potranno continuare a scegliere tra due opzioni: 5 euro con 2 ore di sosta incluse oppure 3 euro per la sola attivazione di Area C. Mentre i residenti all’interno della Ztl possono utilizzare ancora gli ingressi gratuiti che hanno a disposizione (40 in totale) e poi usufruire della tariffa agevolata di 2 euro.

Una buona notizia per l'aria e il traffico milanese, visti che il provvedimento della giunta Pisapia aveva ottenuto buoni risultati:

Nei primi sei mesi di applicazione il traffico in Area C si era ridotto in media del 34%, rispetto allo stesso semestre del 2011 (e del 7% nel resto della città); era aumentata la velocità commerciale dei mezzi pubblici di circa il 6% (autobus) e 5% (tram); erano diminuiti di circa il 49% gli accessi di veicoli inquinanti; c’era stato un incremento dei veicoli a minor impatto ambientale (da 9,6% a 16,6%); si era ridotto il numero di incidenti (-28%); erano calate le emissioni di Pm10 allo scarico (-23%), Pm10 totale (-22%), ammoniaca (-15%), ossidi di azoto (-20%), anidride carbonica (-22%) e si erano ridotte le concentrazioni di Black Carbon (fino a -40%).

E una buona notizia anche le casse del Comune, visto che la sospensione dell'Area C ha causato una perdita di guadagni vicina ai 3 milioni di euro. E meno male che di mezzo c'è stata l'estate.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO