Siria, un convoglio di aiuti Onu in viaggio verso Homs

La tregua decisa a Ginevra 2 dovrebbe consentire l’evacuazione di 200 persone dalla città sotto assedio delle truppe filo-governative da quasi due anni

Circa 200 persone potrebbero lasciare una zona assediata della città siriana di Homs, secondo quanto deciso venerdì scorso ai colloqui di Ginevra 2. Il cessate fuoco deciso una settimana fa ha consentito a un convoglio della Nazioni Unite di iniziare il proprio viaggio verso Homs. L’evacuazione dovrebbe iniziare in queste ore mentre gli aiuti umanitari e alimentari sono previsti per domani. Parlando alla televisione di stato siriana il governatore Talal al-Brazi ha dichiarato che l’operazione dovrebbe consentire a donne, bambini e anziani di abbandonare la città.

La tregua dovrebbe durare per un periodo che consenta il completamento delle operazioni di evacuazione.

Il vice ministro Faisal Maqdad si è detto “molto felice” per la possibilità di effettuare le evacuazioni:

Questo permetterà a civili innocenti, bambini e persone con esigenze particolari, di lasciare il Paese. Siamo molto contenti di avere avuto la possibilità di evacuare queste persone e di poter fornire, a coloro che ne hanno bisogno all’interno di Homs, l’aiuto umanitario che meritano.

Nei recenti colloqui di Ginevra, il governo siriano aveva anche proposto all’opposizione di fornire nomi di civili di sesso maschile disponibili ad abbandonare la città sotto assedio, insieme a donne e bambini.

I ribelli dei distretti centrali della città, quelli della vecchia Homs, sono sotto stretto assedio delle truppe del presidente Bashar al-Assad dal giugno 2012. Migliaia di persone vivono in condizioni terribili, con mancanza di cibo, acqua e medicinali. Attualmente però nessuno ha ancora lasciato la città: per il momento ci sono solo un accordo e un convoglio in viaggio.

Via | Al Jazeera

Video | Youtube

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO