Per volere di papa Francesco, una donna potrebbe guidare la Congregazione dei Laici

Secondo alcune indiscrezioni papa Francesco potrebbe nominare un “prefetto rosa”: sarebbe la prima volta nella storia della chiesa.

È da tempo che si parla in Vaticano della creazione di una Congregazione per i Laici: al momento esiste solo un Pontificio Consiglio, ma non una congregazione. È un po’ come se la prima fosse un ministero con portafoglio, mentre il secondo è paragonabile a un ministero senza portafoglio. La gestazione di questa Congregazione è in corso da mesi e se ne parla sempre più spesso, nell’ottica di papa Francesco di rinnovare la chiesa. E, a quanto sembra, papa Francesco potrebbe nominare a capo di questa Congregazione proprio una donna (a oggi le congregazioni sono guidati dai prefetti che, generalmente, sono cardinali o vescovi).

A dare qualche segno in questa direzione è l’arcivescovo di Boston, Seàn Patrick O’Malley, unico statunitense degli otto cardinali che costituiscono il “G8” di papa Francesco e nel conclave dello scorso anno che ha eletto Bergoglio era dato come papabile da molti). Intervistato dal Boston Globe, O’Malley ha affermato:

È possibile che Francesco nomini una donna alla testa di un importante dicastero vaticano come la ipotetica nuova Congregazione dei laici.

Papa Francesco fa il segno “ok”

Sarebbe, così, la concretizzazione di quanto detto più volte da Bergoglio e cioè di voler rafforzare il ruolo delle donne (ruolo che però, secondo papa Francesco e in linea con la tradizione della chiesa cattolica, non prevede né il sacerdozio per le donne né tantomeno il cardinalato per loro).

Vedremo come procederanno le cose: quel che è certo (come abbiamo sottolineato più volte anche qui su Polibslog) è che papa Francesco ha impresso un nuovo moto alla chiesa cattolica e, pur rimanendo nel solco della tradizione, ha ammorbidito alcuni aspetti. Essendo il “prefetto” di una Congregazione vaticana un funzionario, non ci sarebbe alcun problema a nominare a questo incarico una persona laica, uomo o donna che sia. Del resto, se la Congregazione dei Laici deve riguardare i laici – cioè le persone non consacrate né ordinate (diaconi, sacerdoti, vescovi) – è bene che la guidi un laico o una laica, che sa benissimo di cosa si tratta.

Via | Pacem in Terris

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO