Civati, il toto-no ministri e i (quasi) dissidenti

La sinistra del Pd strizza l’occhio a Sel e alle colombe pentastellate. E in caso di accordo con Alfano, Renzi dovrà fare i conti con dieci senatori in meno

Rottamati i dalemiani con le primarie, i lettiani con la staffetta, Matteo Renzi dovrà fare i conti con Pippo Civati - che si è già chiamato fuori dal toto ministri - e la sua fronda. Anzi, ha addirittura proposto un toto-no ministri, del quale si è detto il primo della lista. E sulla scia dell’hashtag #enricostaisereno lanciato da Matteo la scorsa settimana, Civati ha ribattuto con un #matteostaisereno del quale Civati ha spiegato il senso quest’oggi su Repubblica, in un’intervista rilasciata a Tommaso Ciriaco:

Non è una provocazione. Se Renzi fa l’alleanza con Alfano, nasce il governo di centrodestra in due giorni. E nasce senza dieci di noi.

Secondo Civati non si può lanciare un governo nuovo con la vecchia maggioranza e, quindi, Civati propone di guardare a Sel e alle colombe grilline, così si ricompatterebbe il Pd e si comincerebbe con un progetto condiviso. Secondo Civati con l’uscita di scena di Alfano potrebbero succedere molte cose. Se trovasse spazio la linea della sinistra Pd si potrebbe discutere su “F-35, conflitto d’interessi, reddito minimo e moralizzazione della politica” questioni che sono al di fuori della progettualità del centrodestra.

civati-assemblea-pd

Al Senato i dissidenti sono dieci, fra di loro ci sono Felice Casson e Corradino Mineo.

Quest’ultimo nella rubrica Il caffè di oggi parla esplicitamente dei rischi di un’interpretazione autoritaria di Renzi dopo la suo arrivo a Palazzo Chigi:

Però, voglio dirlo senza ambiguità, la mossa tocca al segretario premier. Egli non può immaginare che Civati (400mila voti alle primarie) gli voti la fiducia dopo un blitz in Direzione e senza essere consultato su programma e composizione del governo. Mentre Alfano (il nominato -da Berlusconi- per eccellenza) pone condizioni e pretende un governo fotocopia di quello Letta. Renzi non può atteggiarsi a “demolition man”, quando gli conviene, e pretendere obbedienze staliniane, quando serve.

Via Ciwati | Corradino Mineo

Video | Youtube

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO