Fannie Mae e Freddie Mac: Henry Paulson ha salvato l'economia mondiale?

danziger times

Fannie Mae e Freddie Mac, le due banche prima fallite - e non è proprio un buon segno quando un istituto di credito chiude i battenti - sono state salvate dal Ministro del Tesoro statunitense Henry Paulson, che ha deciso di nazionalizzarle. Vi quoto un post uscito su finanzablog che spiega bene la situazione:

Il piano prevede poi che la Fed metta a disposizione una linea di credito a breve e che il valore azionario delle due società venga diminuito (il governo garantirà i possessori dei titoli, gli obbligazionisti e gli azionisti privilegiati). L’amministratore delegato di Fannie Mae, Daniel Mudd, infine verrà sostituito da Herb Allison, ex ad del fondo pensione Tiaa-Creef, mentre il presidente di Freddie Mac, Richard Syron, sarà sostituito da David Moffett, ex numero uno di Us Bancorp

Una decisione criticata da molti, ma forse noi, vista la recente vicenda Alitalia, faremmo figura migliore a tacere. E non ripensare che so, al crack del Banco Ambrosiano, per fare un nome che sia uno. In ogni caso: i mercati, questa entità misteriosa, sembrano avere apprezzato la ciambella di salvataggio lanciata da Paulson. Altri sostengono si tratti di una sciagura finanziaria del calibro dello scandalo Enron, con i risparmiatori sconfitti e i cda che brindano a caviale e champagne.

Proprio come nella vignetta di Danziger uscita oggi sul New York Times: la barca affonda. Facciamo salire per ultimi le donne e i bambini.

Via | New York Times

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO