Elezioni Europee 2014 | Sondaggi: Socialisti in testa. Bene la sinistra di Tsipras

Elezioni europee 2014 - Sondaggi
Elezioni Europee 2014. E'uscito il sondaggio di PollWatch 2014 sulle previsioni di voto dei cittadini della Ue alle prossime elezioni (22-25 maggio). I socialisti, guidati da Martin Schulz, sarebbero in testa di 19 seggi sui popolari. Tuttavia, il quadro complessivo appare frammentato.

S&D (Socialisti e Democratici) riuscirebbe ad ottenere 221 parlamentari a Strasburgo (contro i 208 attuali), mentre i popolari solo 202. Dunque, lo schieramento moderato starebbe andando incontro ad un piccolo crollo (attualmente hanno 265 seggi). Per il momento è comunque presto per sbilanciarsi con i numeri, anche perché il Ppe non ha ancora scelto il suo candidato presidente alla Commissione. Una figura forte di riferimento, per il partito della Merkel, potrebbe significare una ripresa nei consensi. Inoltre, si deve registrare ancora un tasso di indecisione rilevante in vasti settori dell'elettorato.

Gue, lo schieramento di sinistra guidato da Alexis Tsipras, farebbe un rilevante salto in avanti secondo il sondaggio. Dai 35 seggi attuali passerebbe a 56. Mentre i liberaldemocratici del gruppo Alde, con candidato presidente alla Commissione Guy Verhofstadt, perderebbero 20 parlamentari. Dagli attuali 84 passerebbero a 64. Passo indietro anche per i Verdi di José Bové e Ska Keller: da 55 seggi passerebbero a 44.

La temuta formazione di destra euroscettica, Alleanza europea per la libertà (non presente nel grafico) si attesterebbe a 38 seggi, superando così la soglia di sbarramento. Ricordiamo che solo una piccola parte dei partiti populisti e antieuropeisti del continente fa parte dello schieramento guidato da Marine Le Pen.

Segnaliamo che nel gruppo dei non iscritti, per lo più comprensivo di esponenti di partiti antieuropesiti, dovrebbero finire 24 deputati italiani del Movimento 5 Stelle.

Infine rileviamo che, se i popolari dovessero effettuare un parziale recupero e si verificasse una situazione di sostanziale parità, potrebbe saltare fuori un nome super partes come presidente della Commissione.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO