Sondaggi politici, fiducia nei leader: Renzi e il suo governo sempre sopra il 50%. Cala Berlusconi

Grillo al 29%, Berlusconi al 17%.

Venerdì 11 aprile 2014 - Agorà, la trasmissione mattutina di Raitre, ha commissionato un nuovo sondaggio a Ixè sulla fiducia nei leader e nel governo Renzi.
Nel primo caso emerge che da febbraio a oggi colui che ha perso più consensi è Silvio Berlusconi di Forza Italia, che è passato dal 21% del 28 febbraio al 17% in quest'ultima settimana. Alti e bassi per Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle: la fiducia nei suoi confronti era del 27% a fine febbraio, è poi calata al 26% nelle prime tre settimane di marzo per risalire al 30% il 28 marzo e al 32% il 4 aprile, ma oggi è di nuovo leggermente calata ed è al 29%.

Colui che più di tutti può vantarsi di avere la fiducia dei cittadini è il premier Matteo Renzi, sempre ben al di sopra del 50%: a febbraio era al 55%, poi è salito al 59% a inizio marzo e al 60% due settimane dopo, in seguito ha perso tre punti alla fine dello scorso, mese, ma ne ha guadagnati due nella prima prima settimana, ora è al 58%.

Un po' più bassa, ma sempre sopra al 50%, è la fiducia nel governo Renzi: dal 50% di inizio marzo ha avuto un picco del 55% nei sondaggi del 14 marzo, poi è calata fino a tornare al 50% alla fine del mese scorso, ma è risalita al 54% a inizio aprile e oggi è al 52%.

Sondaggio sui leader del 21 febbraio 2014


I sondaggi politici a volte registrano fenomeni davvero curiosi. Potrebbe essere che le rilevazioni statistiche non siano così affidabili, dal momento che è difficile capire come un governo Renzi, che registra delusione attorno a sé, affondi il Partito Democratico ma non tocchi Matteo Renzi. Che di quel governo, ovviamente, è premier. Eppure è quanto esce dal sondaggio Ixè trasmesso stamane ad Agorà.

Sondaggi: il governo Renzi affonda il Pd

Partiamo dal governo Renzi: il 34% pensa che durerà meno di un anno, il 31% che durerà più di un anno, un altro 31% che durerà fino al 2018. Il che significa che non si registra poi questo gran clima di fiducia attorno all'ex rottamatore, dal momento che lui stesso ha detto di puntare a concludere la legislatura. Quindi, ci si aspetterebbe che - essendo Renzi il primo artefice di un governo che non ispira fiducia, e avendo ottenuto l'incarico di primo ministro con una manovra che non è piaciuto all'elettorato - il gradimento in Matteo Renzi scendesse.

Gallery. Sondaggi: il governo Renzi affonda il Pd

E invece non è così. O meglio, Matteo Renzi perde un solo punto rispetto alla settimana precedente ma rimanendo al 52%. Che è una percentuale altissima, soprattutto visto quanto l'energia del premier in pectore si stia scontrando con la durà realtà della palude politica italiana. Per assurdo cresce invece la fiducia in Enrico Letta (39%, +2), che probabilmente si è attirato un po' di simpatie essendo la vittima di una manovra ordita alle sue spalle dal suo stesso partito.

Chi invece in tutto questo ci perde è il Partito Democratico. Rimane comunque la prima forza in Italia, con il 29,4% dei consensi, ma lascia per strada oltre un punto. Il Movimento 5 Stelle invece cresce parecchio (+1,3%) e arriva al 23,7%. Più indietro Forza Italia, stabile al 21,6%. Da sottolineare come continui l'erosione di consensi da parte del Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano (e più deboli sono loro nei sondaggi, più stabile è il governo Renzi), che scende al 3,6%. Superato così di un decimale dalla Lega Nord.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO