Angela Merkel: non ho parlato con Monti degli aiuti all'Italia


La conferenza stampa di oggi della cancelliera Angela Merkel è stata per buona parte incentrata sull'Italia, sia per la possibile richiesta di aiuti che il nostro governo potrebbe presentare al fondo Salva stati, sia (soprattutto) per la ridiscesa in campo di Silvio Berlusconi che ha accusato la Germania di aver causato la crisi economica e il decollo dello spread.

Per quanto riguarda Berlusconi, la Merkel è stata quantomai tranchant più che diplomatica:

Se sono preoccupata dal ritorno di Berlusconi? Sono democratica, rispetto i risultati elettorali di ogni paese. Vorrei concentrarmi sulle domande che rientrano nel mio campo d'influenza

Ben altre parole sono state invece dedicate a Mario Monti e al suo governo, che "ha fatto le riforme in maniera coraggiosa e ha portato molto avanti l'Italia". Non esclude che il nostro paese possa chiedere aiuti all'Ue dopo l'approvazione del piano della Bce, ma nega di averne parlato con il nostro premier.

Abbiamo discusso della situazione generale, non di una richiesta specifica. L'Italia prende da sola le decisioni che la riguardano

Ha aggiunto, interpellata anche in merito alla richiesta del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, che all'indomani del piano della Bce aveva chiesto che l'Italia facesse subito richiesta di aiuti all'Esm.

Ma la cancelliera tedesca non ha mancato di lanciare un monito alla Banca centrale Europea, dopo che nei giorni scorsi ha fatto buon viso a cattivo gioco e ha sostenuto l'approvazione del fondo salvastati anche contro la Corte costituzionale tedesca:

La Bce non dovrebbe avventurarsi nel regno della politica fiscale. Weidmann [il presidente della Bundesbank] si preoccupa perché venga assicurata una soluzione sostenibile alla crisi e ha pieno diritto di parola.

Parlando infine della Grecia, la Merkel ha ribadito che per ottenere nuovi aiuti deve fare altre riforme, e che è meglio per tutti che Atene rimanga nell'euro.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO