Fratelli d'Italia, è tempo di primarie. A candidato unico

La Russa: "È una chiamata alle armi per la destra, puntiamo sulla Meloni". Che è candidata unica

Tempo di primarie nella destra italiana, quella che si ricondurrà (parola del trio Meloni-Crosetto-LaRussa) al filo mai spezzato di Alleanza Nazionale: in queste ore le principali città italiane (e non solo) ospitano nelle piazze i gazebo di Fratelli d'Italia, che raccolgono firme e consensi nell'ambito delle prime primarie della destra italiana.

Sono ben 700 i seggi sparsi in tutta Italia, molti per un partito giovane, nato dalla costola ex-missina (e nostalgica di An) del fu PDL berlusconiano: un cordone ombelicale mai tagliato, quello di una "certa" destra con la fiamma tricolore che domina la tomba di Mussolini.

Dopo aver recentemente ottenuto i diritti sul simbolo e sul nome di Alleanza Nazionale da parte della fondazione Alleanza Nazionale, una dei contenitori politici più ricchi e contesi nel panorama politico italiano (con un Francesco Storace fuori dai gangheri per "lo scippo" dello storico simbolo da parte del terzetto di Fratelli d'Italia), le primarie di questo fine settimana serviranno a sceglierne il leader che guiderà la rifondazione di Alleanza Nazionale.

La consultazione popolare, la prima nella storia della destra, consentirà a iscritti e simpatizzanti del movimento di votare il Presidente Nazionale, il nuovo simbolo e i 3150 grandi elettori delegati al congresso nazionale di Fiuggi dell'8 e 9 marzo 2014, che ratificheranno il voto e daranno vita alla nuova An.

"Intanto non vogliamo prendere in giro la gente. Il nostro candidato sarà Giorgia Meloni. Non organizziamo delle finte consultazioni popolari per mostrare che il candidato è scelto dalla base, quando non è così."

riferisce Il Giornale, citando l'onorevole Ignazio La Russa; una questione che però si presta a momenti di facile ironia, al netto del fatto che l'unica candidata votabile in queste consultazioni sia proprio Giorgia Meloni (suo l'unico nome nelle schede elettorali). Una "scelta" un po' povera, nota qualcuno, ma tant'è.



Una consultazione allargata a tutti, anche ai non-iscritti, previo il pagamento di un contributo minimo di 2€ e la sottoscrizione del manifesto di FdI; il tentativo di far rivivere lo spirito della "svolta di Fiuggi" di più di 20 anni fa continua ad essere tra gli obiettivi principali della destra istituzionale italiana, al quale va dato atto di rischiare molto in termini elettorali (nonostante il costante solletico al ventre del Paese).

Ai partecipanti verrà chiesto di esprimere una posizione su dieci temi caldi, le "primarie delle idee"; i temi principali sul piatto programmatico della destra sono, infatti, decisamente popolari: uscita dell'Italia dall'Euro, impedire l'importazione di merci che fanno concorrenza sleale al Made in Italy, blocco momentaneo dei flussi migratori, maxi condono delle cartelle esattoriali, combattere l'evasione fiscale scaricando dalla dichiarazione dei redditi tutte le spese fatturate, elezione diretta del Presidente della Repubblica, incentivi alle famiglie numerose, vietare nuove sale giochi e slot machine, pretendere elezioni primarie, riapertura delle case chiuse (un tema assolutamente inedito che rappresenta un balzo laico-progressista della destra assolutamente degno di sottolineatura).

Giorgia Meloni Meets The Public In Novara

"Mentre ci ripropongono liste bloccate e governi calati dall'alto, Fratelli d'Italia va in controtendenza perché si entra nella terza repubblica rimettendo tutte le scelte nella mani degli italiani."

ha dichiarato la stessa Giorgia Meloni all'agenzia TmNews.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO