Salva-Roma: il governo ha detto sì al nuovo decreto

Ieri Renzi ha detto di non apprezzare i toni usati da Ignazio Marino che ha minacciato di bloccare Roma, oggi si discute della Capitale nel Consiglio dei Ministri.

14:09 - Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, ha spiegato che il decreto sugli enti locali in difficoltà approvato dal governo Renzi prevede il trasferimento dal Commissario al Comune di Roma di somme dovute che vengono anticipate per creare massa critica. Ovviamente il Campidoglio dovrà presentare dei piani di aumento delle entrate.

13:35 - Il Consiglio dei Ministri riunito a Palazzo Chigi dalle 11:35 di stamattina ha dato l'ok al nuovo decreto sugli enti locali che si propone di evitare il default della Capitale dopo che il vecchio decreto "salva-Roma" approvato dal governo Letta è stato ritirato a causa dell'ostruzione di Lega e MoVimento 5 Stelle.

Renzi a Marino: "Capisco le tue ragioni, ma cambia tono"


Il decreto "salva-Roma" che era stato approvato dal governo Letta e che per mesi ha fatto discutere maggioranza e opposizione per i mille sotterfugi che conteneva è stato definitivamente ritirato dal governo Renzi, che oggi ne approverà uno nuovo di zecca per scongiurare il rischio di default della Capitale.

Ieri il Premier Matteo Renzi e il sindaco di Roma Ignazio Marino si sono sentiti e pare che i toni delle loro discussioni siano stati piuttosto accesi, nonostante il primo cittadino abbia espresso la sua fiducia nel Presidente del Consiglio. Quest'ultimo invece, ha tirato le orecchie a Marino per i toni che ha usato e in particolare per aver minacciato di bloccare la città a causa della mancanza di risorse per mandarla avanti.

Intanto, mentre venivano alimentate polemiche e rappacificazioni a distanza, i tecnici del Campidoglio e quelli di Palazzo Chigi hanno lavorato insieme per ultimare la revisione del testo che oggi sarà esaminato e approvato dal Consiglio dei ministri. A tal proposito Marino ha detto:

"Mi auguro che così come tutti aspettiamo ci siano quei contenuti che possano permettere di scrivere al più presto il bilancio della città perché voglio che Roma torni ad essere una città normale dove i bilanci non si scrivano con un anno di ritardo ma di anticipo"

Il decreto legge dovrebbe contenere le norme relative al 2014 e al piano triennale di messa in sicurezza a medio e lungo termine delle casse della Capitale, per il 2013 ci dovrebbe essere presentato invece un emendamento al disegno di legge sugli enti locali che sarà esaminato dal Senato oppure a un altro decreto, sempre sugli enti locali, che il Cdm discuterà oggi. La senatrice del Pd Monica Cirinnà ha infatti assicurato:

"La norma di salvaguardia sarà contenuta in un emendamento del governo ad uno dei prossimi decreti in conversione in Parlamento"

Nuovo decreto salva-Roma all'esame del Governo Renzi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO