Nuova Zelanda al voto per cambiare la bandiera che ricorda il colonialismo

Il premier John Key ha promesso che in caso di rielezione proporrà un referendum per la modifica della bandiera nella quale campeggia la Union Jack

I neozelandesi potrebbero essere chiamati al voto molto presto, per un referendum nel quale verrà chiesto loro di scegliere se cambiare la propria bandiera o conservarne la tradizionale configurazione, da molti vista come il retaggio di un passato coloniale. Il premier John Key ha promesso che, se verrà eletto per la terza volta a capo del Governo, proverà a far ritirare la bandiera considerata come reliquia di un passato coloniale.

Key ha affermato di essere aperto a tutte le idee ma che, personalmente, predilige la felce d’argento su fondo nero. L’attuale bandiera raffigura la costellazione stellare della Croce del Sud e comprende la bandiera britannica della Union Jack nell’angolo in alto a sinistra: cosa c’è di più “colonialista” di una mise en abîme di una bandiera di un Paese colonizzatore all’interno di una bandiera del paese colonizzato?

Molti cittadini neozelandesi lamentano la somiglianza con la bandiera australiana, ma soprattutto il fatto che il simbolo non riflette l’indipendenza della Nuova Zelanda dalla Gran Bretagna. Anche la proposta di Key, comunque, non è stata accolta a braccia aperte dalla popolazione: la felce argentata su sfondo nero, infatti, è il simbolo delle rappresentative sportive neozelandesi, come la nazionale di rugby degli All Blacks. Gli scettici sostengono che, così, si rischierebbe di far coincidere l’immagine del Paese con quella dei suoi eroi sportivi. Altri spiegano che i Maori rischiano di non venire rappresentati anche nella nuova bandiera. Insomma il dibattito resta aperto non solo sul “se” ma anche sul “come” cambiare la bandiera.

Un precedente c’è: nel 1965 il Canada cancellò dalla sua bandiera la Union Jack per introdurre la foglia d’acero.

Il premier Key ha anche aggiunto che rendere indipendente il simbolo del Paese dal retaggio colonialista, non significherebbe né la cancellazione dei legami costituzionali del paese con la monarchi britannica, né un’uscita dal gruppo dei paesi del Commonwealth.

RUGBYU-ITA-NZL

Video | Youtube

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO