La Gabbia, la puntata del 23 marzo 2014

La 27esima puntata del programma d'approfondimento politico di La7 su Polisblog.

la gabbia 1 27 19

00:25 con l'editoriale in musica di Gianluigi Paragone, si conclude la puntata di stasera.

la gabbia 1 27 18

00:19 guardiamo il consueto servizio dedicato ai politici e banchieri che non rispondono alle domande dei giornalisti de La Gabbia.

00:18 Puglisi: "La velocità di Renzi è un aspetto positivo. Renzi ha fatto due cose per quanto riguarda le tasse. Ha agito per quanto riguarda l'Irpef e l'Irap". Fumagalli: "Il contratto di lavoro a tempo indeterminato è un fantasma per le nuove generazioni. Nei prossimi 30 anni, ci saranno tante persone che non avranno una vita pensionistica dignitosa. L'Irpef colpisce il ceto medio e non colpisce i grandi redditi".

00:14 Puglisi: "La precarietà è un problema forte. Il problema è che ci deve essere una tutela sul lavoratore e non sul posto di lavoro. E' importante che si finanzia un sussidio di disoccupazione serio per rendere più tranquilli i lavoratori". Fumagalli: "Sulla tutela del posto di lavoro, scrivo il tasso reale di disoccupazione, il 23,5%. Il posto di lavoro non è tutelato. Il 92% dei lavoratori viene assunto con contratto atipico".

00:11 Riccardo Puglisi e Andrea Fumagalli si confrontano sui modelli di lavoro. Puglisi: "Renzi deve far scendere le tasse e rendere più semplici le leggi sul mercato del lavoro". Fumagalli: "Riguardo la situazione economica italiana, chi di precarietà ferisce, di precarietà perisce. Questo è il problema dell'Italia".

la gabbia 1 27 17

00:05 il prossimo servizio, invece, è dedicato ai contratti di lavoro offerti da Oscar Farinetti ai lavoratori della Eataly. Si parla anche della polemica tra Farinetti e Adriano Celentano.

la gabbia 1 27 16

23:56 vediamo il servizio satirico di Saverio Raimondo intitolato "Compreresti un auto blu da Renzi?".

23:54 Giuseppe Giaccardi, Web Economy Forum: "Ci sono dati che dimostrano che le imprese attive on line sono in crescita e crescono più di altre. La Web Economy crea posti di lavoro".

23:52 Meloni: "Fossi io Renzi, andrei in Europa e direi che l'Italia esce dall'Europa. Ci sono tanti altri paesi che sforano molto oltre il 3%. Guardando i dati, però, l'Italia è la nazione che contribuisce di più in Europa eppure siamo paragonati a Grecia e Portogallo".

23:49 Mucchetti: "Non si tratta di sforare o non sforare il 3%. Stampare moneta è una soluzione a metà. La vera risposta logica è il default. Noi dobbiamo avere il coraggio di dire che abbiamo un debito che non ripaghiamo". Donato: "Noi possiamo ripagare il debito ma nella nostra moneta".

23:46 Fumagalli: "Renzi è il portavoce di chi ha impostato un'Europa di stato monetarista. L'euro è una moneta e una moneta è un rapporto sociale e rappresenta le dinamiche di conflitto sociale. Il lavoro ha perso questo conflitto".

23:44 Donato: "L'eurozona ha disintegrato il mondo del lavoro, svalutando i salari. Il jobs act favorisce il precariato e i contratti di apprendistato che sono pagati molto meno. Dobbiamo ricominciare ad avere una nostra banca centrale che finanzi la spesa pubblica".

la gabbia 1 27 15

23:39 vediamo un altro servizio dedicato al Jobs Act di Renzi. La Gabbia interroga i politici su questa riforma.

23:38 Meloni: "Sul tema dei tagli della spesa pubblica, si può lavorare. Le pensioni d'oro si possono tagliare. Noi di Fratelli d'Italia abbiamo già chiesto che queste pensioni vengano ricalcolate. Per quanto riguarda la sanità, basta impedire alla gente di rubare. Il problema dell'Euro è che una moneta che si adotta deve essere legata all'economia che rappresenta. Noi abbiamo una moneta che rappresenta l'economia tedesca. Noi abbiamo adottato il Marco tedesco cambiandogli nome".

23:33 Mucchetti: "La Estral ha chiuso i bilanci in rosso. L'operazione di taglio di costi che hanno iniziato è per riportare i conti in attivo. Ora hanno difficoltà a piazzare i prodotti. Il sistema politico non devono ingessare le imprese e fare loro del male. Servono forme di sostegno ai lavoratori".

23:30 Fumagalli: "Io mi occupo di lavoro precario. La precarietà è diventata la condizione per antonomasia. Questa condizione riguarda anche chi ha un contratto indeterminato. La precarietà è diventata una forma di sfruttamento".

la gabbia 1 27 14

23:29 Massimo Pala, operaio Estral: "Quest'azienda poteva andare avanti benissimo. Non c'è uno spiraglio, non c'è contrattazione. C'è molta difficoltà a trovare lavoro. Ho fatto 20 domande".

la gabbia 1 27 13

23:22 questo servizio, invece, è dedicato al Jobs Act, la riforma che potrebbe creare nuovi precari.

la gabbia 1 27 12

23:11 questo servizio è dedicato alle cartelle esattoriali di Equitalia che non vengono più spedite a casa. L'ordine di pagamento va ritirato al comune e questo servizio crea disagio tra i cittadini.

la gabbia 1 27 11

23:10 Claudio Bizzozero, sindaco di Cantù: "Giorgia Meloni e il PD sono i responsabili del disastro nazionale. Oggi la Meloni recita la sua parte. I secessionisti veneti hanno sacrosanta ragione".

23:07 Marini, albergatore: "Siamo il paese più bello del mondo. Potremmo vivere grazie al turismo. Il turismo non si può delocalizzare. Le tasse ci ammazzano. Così il turismo lo uccidiamo".

23:03 Plateroti: "L'Italia è fragile dal 2011. Ci presentiamo con idee confuse sulla politica economica e industriale. Ma l'Italia deve proseguire sull'unica strada responsabile".

23:00 Meloni: "Renzi è andato dalla Merkel, dicendole che rispetteremo il Fiscal Compact. E' sbagliato l'approccio. Un premier non può discutere le riforme del lavoro con un altro premier. Renzi deve discutere le norme del lavoro con il Parlamento e non con la Merkel".

22:58 Mucchetti: "L'Europa è stata impostata copiando il modello anglosassone e utilizzando una politica del rigore che ha messo in ginocchio i paesi deboli". Donato: "Renzi deve discutere con la Merkel di queste cose". Mucchetti: "Voglio avere un'altra Europa". Donato: "Un'altra Europa non si può avere se esistono paesi deboli e paesi forti".

la gabbia 1 27 10

22:56 Meloni: "Marine Le Pen dice che vuole difendere gli interessi del popolo e non le interessa le definizioni di destra e sinistra. La differenza lo fa quello che si fa in aula. L'operazione Bankitalia è stata una vergogna". Vediamo uno spezzone dell'intervista di Beppe Grillo a Enrico Mentana.

22:53 Donato: "In Europa, stanno facendo di tutto per fagocitare le nostre piccole banche, facendo pagare il conto agli italiani. C'è la totale cecità del governo Renzi davanti alla realtà che ci circonda. Il piano europeo, il piano dell'Euro, è un piano criminale. Il nostro governo deve prenderne atto e riprendersi la sovranità".

22:51 Mucchetti: "Il governo dice di voler cambiare passo. Bisogna dargli il tempo. Il caso delle slot machine grida vendetta. Bisogna voltare pagina. Squinzi è un bravissimo industriale, è un modello, finché fa il presidente di Confindustria, non dovrebbe dire che vuole trasferire la sua azienda in Svizzera. Non credo che Squinzi e Camusso siano il male di questo paese. Quando le cose vanno male, al ministero dell'industria, gli operai vengono accompagnati dai sindacati. Il sindacato va salvaguardato e sviluppato".

22:47 Meloni: "Le parole di John Elkann sono parole di un folle. La Fiat ha preso milioni dallo Stato quando i soldi c'erano e poi ha trasferito la sede fiscale all'estero quando i soldi non c'erano più. Riguardo gli imprenditori veneti, questa gente è italiana ma è l'Italia e lo stato italiano che non è all'altezza del popolo". Meloni poi parla del condono alle società delle slot machine. Una persona del pubblico contesta la Meloni: "Dov'eri prima?".

22:44 Giorgia Meloni e Francesca Donato si aggiungono agli ospiti. Plateroti: "Ci sono centinaia di pensionati che si stanno trasferendo in Svizzera perché non campano. Per quanto riguarda le imprese, come la Mapei, non è tollerabile dare più del 50% del reddito allo stato".

la gabbia 1 27 9

22:34 un servizio dedicato alla voglia di secessione in Veneto.

la gabbia 1 27 8

22:28 Plateroti: "Il problema esiste. Si deve misurare correttamente la bravura di un manager. Moretti ha fatto anche delle cose fatte bene sul trasporto locale".

22:25 Gomez: "In altri paesi questo problema l'hanno affrontato. Moretti è un maleducato in un paese che in questo momento è in difficoltà. Avrebbe dovuto stare zitto". Paragone: "Dal punto di vista del trasporto locale, Moretti ha fallito perché ha puntato tutto sull'alta velocità". Polemica tra Mucchetti e Paragone. Mucchetti rinfaccia al conduttore il suo vecchio rapporto con la Lega Nord.

22:22 si parla di Moretti di Trenitalia che non vuole rinunciare al suo stipendio. Mucchetti: "Moretti non ha paura dell'antipopolarità". Plateroti: "Lo stipendio di Plateroti è solo una parte del problema. Facciamo la somma di tutti gli stipendi che possiamo ridurre".

la gabbia 1 27 7

22:16 Senaldi: "I figli di Berlusconi non si candideranno. Silvio teme di bruciare un Berlusconi in cui un momento in cui Forza Italia rischia di diventare il terzo partito in Italia. I figli, poi, non si sono messi d'accordo".

la gabbia 1 27 6

22:11 il prossimo servizio è dedicato alla visita di Renzi alla Merkel, alle elezioni europee e alla possibile candidatura dei figli di Silvio Berlusconi. Il titolo del servizio è "L'Europa ci ride in faccia".

la gabbia 1 27 5

22:08 Plateroti: "Miglioriamo la legge esistente. Altrimenti qui ci saranno sempre atti individuali fini a se stessi".

22:06 Mucchetti: "Noi vogliamo introdurre una norma seria sul conflitto di interesse di tipo economico. Invito Gomez e Senaldi a sostenere questa iniziativa. L'attuale legge sul conflitto di interesse è una legge monca e va migliorata". Senaldi: "Ciò non c'entra nulla con la vicenda di Renzi".

22:03 Gomez: "Dietro questa storia non c'è un reato ma una cosa brutta. E' vera la storia del rapporto di amicizia ma da qui si capisce il ruolo della stampa. Noi facciamo le pulci ai politici. Renzi, ad esempio, deve rinunciare ai contribuiti figurativi pagati da province e comuni. La Idem, per questa cosa, è sotto inchiesta. Renzi ha già da parte 40mila euro di Tfr da ritirare".

22:00 Pietro Senaldi si aggiunge agli ospiti: "E' chiaro quello che è successo. Carrai pagava l'affitto a Renzi e molti lavori di Carrai dipendono proprio da Renzi. Vogliamo solo dimostrare che anche Renzi ha un cerchio magico di amici e di interessi".

la gabbia 1 27 4

21:55 la puntata vera e propria de La Gabbia inizia con un servizio dedicato alla casa di Firenze di Matteo Renzi pagata da Marco Carrai, imprenditore che ha ricoperto anche incarichi pubblici.

la gabbia 1 27 3

21:45 è già ora dell'intervento satirico di Paolo Hendel, nei panni dell'imprenditore Carcarlo Pravettoni.

la gabbia 1 27 2

21:44 Fumagalli: "Questo è uno sconto che una certa sinistra europea paga per mancanza di coraggio nell'affrontare alcuni temi economici e finanziari. Berlinguer faceva politica per passione. Oggi si fa per interesse".

21:42 Mucchetti: "L'esito francese è legato al calo di popolarità di Hollande. In Italia, è tutto da vedere che si possa replicare l'esito francese. Mi pare di no. Il partito di Le Pen è nazionalista e anche un po' fascista". Qualche applauso.

21:40 Gomez: "Le critiche di Squinzi e Camusso a Renzi fanno bene a Renzi in ottica Europee. Berlinguer era comunista. Renzi è socialdemocratico". Si parla anche del successo di Marine Le Pen in Francia. Inquietante applauso del pubblico.

21:37 Plateroti: "Renzi paragonato a Berlinguer è come il Papa paragonato a Don Camillo. Ogni personaggio è figlio del suo tempo". Mucchetti: "Renzi è all'inizio di un cammino. La Camusso ha detto che va bene la detrazione Irpef a favore dei lavoratori più poveri. Squinzi, invece, ha contribuito a licenziare e a far cadere il governo Letta. La Confindustria che non propone una luna di miele è una novità".

21:34 Andrea Fumagalli, Massimo Mucchetti, Alessandro Plateroti e Peter Gomez sono i primi quattro ospiti. Fumagalli: "Renzi è molto più vicino a Berlusconi che a Berlinguer. E' un Berlusconi 2.0 con alcune differenze riguardanti gli interessi personali".

la gabbia 1 27 1

21:26 inizio trasmissione. Nell'anteprima di questa puntata, vediamo un servizio dedicato realizzato alla prima del documentario su Berlinguer firmato da Walter Veltroni. La domanda che si pone il servizio è la seguente: "Esiste ancora la sinistra di una volta?".

La Gabbia, 23 marzo 2014: Anticipazioni e Live su Polisblog

la gabbia 1 26 13 Questa sera, a partire dalle ore 21 su La7, andrà in onda la ventisettesima puntata della prima edizione de La Gabbia, il programma d’approfondimento politico condotto da Gianluigi Paragone.

Nella puntata di stasera, come sempre, Gianluca Paragone, insieme al suo parterre di ospiti, tratterà una serie di temi d’attualità legati alla lotta alla tecnocrazia, alla casta, al potere politico e al potere finanziario che, in Europa, stanno creando problemi sociali e vicoli ciechi.

Nel corso della puntata, come di consueto, assisteremo anche ai due spazi satirici riservati a Paolo Hendel, nei panni dell’imprenditore Carcarlo Pravettoni, e Saverio Raimondo.

Polisblog seguirà in diretta anche questa puntata de La Gabbia, riportando e commentando tutte le dichiarazioni degli ospiti che interverranno stasera.

L’appuntamento è a partire dalle ore 21:10.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO