Elezioni Europee 2014: Lista Casini-Alfano per superare lo sbarramento?

casini contro alfano


Elezioni Europee 2014

. Pier Ferdinando Casini sarebbe pronto ad allearsi con Angelino Alfano. I rumors, a tale riguardo, si fanno sempre più insistenti e vengono riportati da molte testate nazionali: Da L'Espresso a Libero da Il Tempo a il Giornale.

E' passato poco più di un mese dall'ufficializzazione di Casini dell'abbandono del "centrino", messo in piedi con Scelta Civica di Mario Monti. Il segretario Udc, cogliendo tutti di sorpresa, ha annunciato in quell'occasione di voler tornare alleato di Silvio Berlusconi. Secondo l'ex Dc, la ritrovata alleanza con il Cavaliere sarebbe stata obbligata dal nuovo sistema elettorale renzusconiano, che impone il bipolarsimo al nostro paese. Ora, però, ci sono di mezzo le europee e non le politiche. Per questo motivo, l'ex delfino di Forlani sarebbe pronto all'ennesimo cambio di rotta.

Secondo Dagospia, ci sarebbe già stato un incontro segreto tra Alfano e Casini per definire un progetto di lista unica per le europee. Ciò pare più che un pettegolezzo, soprattutto dopo la calorosa accoglienza riservata al Ministro degli Interni al Congresso dell'Udc. Tuttavia il patto, secondo alcuni commentatori, sarebbe percepito come una forzatura, come l'ennesima giravolta per sopravvivere dopo la bocciatura alle ultime politiche. Questo, a nostro avviso, è vero solo in parte.

Gli elettori dell'Unione di Centro non sono così severi sulla volubilità del loro leader. Inoltre, un'accoppiata tra due soggetti che aderiscono al Ppe non parebbe una cosa così eccentrica. Le comuni radici democratico cristiane, la ritrovata unità sul programma del Ppe (fondato sull'economia sociale di mercato), la fiducia nel candidato alla presidenza della Commissione europea dei popolari, Jean-Claude Juncker, sarebbero tutti temi spendibili in campagna elettorale.

Al di là delle nobili ragioni programmatiche, però, c'è un altro piccolo particolare da tenere in considerazione: lo sbarramento al 4%, previsto dalla legge elettorale nostrana per andare al Parlamento di Strasburgo. Secondo gli ultimi sondaggi, Ncd è al 3,6%, mentre i Popolari per l'Italia-Libertas (lista unitaria dei popolari dell'ex montiano Mario Mauro e dell'Udc) sarebbero al 2,4%. Dunque, Alfano e Casini, correndo da soli, rischiano di non riuscire a far eleggere nemmeno un parlamentare. Per questa ragione, l'unità democristiana alle prossime elezioni pare, ai due ex del centro destra, una soluzione molto allettante.

L'alleanza, inoltre, potrebbe avere anche come effetto quello di prosciugare il già esiguo bacino elettorale dei liberali. Overo, azzerare qualsiasi velleità da parte di Scelta Civica e della lista Alde di porsi come interlocutori privilegiati per Forza Italia e Pd. E pazienza per il professor Monti, un tempo "salvatore della patria" per Casini.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO