Servizio Pubblico, puntata 27 marzo 2014

La puntata di Servizio Pubblico in diretta su PolisBlog

00.06 Finisce la puntata.
letta elmetto
00.02 Le vignette di Vauro.
brunet
23.58 Pubblicità.
23.57 Ancora sull'Afghanistan, Strada: "Io sono un fantasma? Ci ho vissuto 7 anni, le assicuro che posso girarlo a piedi, nei villaggi mi invitano in casa a bere un tè".
23.55 Strada: "Chi parla oggi di disarmo? L'Europa è stata devastata dalla seconda guerra mondiale; poi qualcosa è stato fatto, ma oggi non se ne parla più. Quante sono le testate nucleari che girano sulle nostre teste?".
23.50 Strada: "L'Afghanistan è un Paese in cui bisogna esserci stati prima di parlarne. Negli ultimi 13 anni ha sofferto una delle fasi più sanguinose della guerra. La quantità di civili morti è impressionante. Chi porta questa responsabilità? Oggi nessun politico descrivere la situazione dell'Afghanistan odierna. Si è partecipato ad un'operazione di guerra, nella totale illegittimità. Portare la democrazia? Una delle più grandi coglionate. Gli americani hanno deciso che se ne andranno, così i governi italiani all'improvviso scopriranno che non cè ragione a restare in Afghanistan? Secondo me appena l'America si rititerà, lo faremo anche noi".
ginos trad
23.47 Nicolai Lilin: "I russi dai tempi di Napoleone fanno guerre di difesa, anche se appaiono aggressivi".
23.44 Landini: "Obama è venuto qui non per darci lavoro, ma per vendere i suoi F35".
talk show la7
23.42 Dragoni: "Dopo il taglio degli F35 in Italia, la Lockheed Martin ha tagliato le commesse ad Alenia"
23.37 Rampini racconta con un aneddoto su Lockheed Martin come la lobby militare Usa si muove per condizionare politica e giornalismo.
23.34 Travaglio: "In Italia sembra che o gli F-35 o la morte".
23.32 Travaglio spiega che alcuni Paesi della Nato sono già usciti dal programma F-35 perché ritenuti inutili.
23.28 Mauro: "Se c'è pericolo per la salute, il Muos non deve funzionare. Ma il problema è che non è ancora pacifico se c'è".
23.22 In studio alcune donne del comitato No Muos: "A Niscemi si muore di tumore, anche i bambini". La signora Gisella: "Renzi deve incontrare il comitato No Mous e dirci in faccia che quelle antenne non fanno male".
a niscemi
23.17 Pubblicità.
23.16 Sull'Afghanistan. Strada: "Avete fatto un atto di servilismo rispetto agli Usa". Mauro: "Di cosa sta parlando? Parla di Afghanistan quello in cui si uccidono nello stadi?". Violentissimo scontro tra i due. Strada chiosa: "È come discutere con l'aspirapolvere, questo non sa nemmeno dove caxxo è l'Afghanistan".
23.14 Strada: "La Nato non è niente. A cosa serve?"
23.14 Strada: "La Costituzione dice che l'Italia rinuncia alla guerra, la cui decisione spetta solo all'Onu. L'Italia invece ha sempre ignorato le risoluzioni dell'Onu".
23.13 Mauro: "Noi non siamo schiavi degli Usa, siamo alleati".
23.11 Mauro: "Le spese militari in Italia sono calate del 19%, a differenza degli altri Paesi. Negli Usa sono aumentate".
gino strada la7
23.09 Strada: "Chiedo all'ex ministro: 'da chi dobbiamo difenderci?' E poi mi piacerebbe sapere che un ministro ad un anno dall'acquisto di un F-35 mi spiegasse come è stato usato, dov'è". Mauro: "Cina, Giappone. Ma noi esercitiamo un ruolo insieme ad altri. Noi pensiamo di poter gestire le vicende del mondo".
23.10 Strada: "Mi pare un bel passo avanti".
23.08 Mauro: "Gli F-35 sono operativi in Italia da decenni, si chiamano tornado. Fottiamocene degli F-35".
mauro talk
23.03 Mauro: "Siamo nella Nato, che si regge sul principio della condivisione delle spese militari (2% del Pil). Solo gli Stati Uniti sono sopra questo parametro. Noi non mettiamo tutti i soldi che l'accordo prevederebbe, ma l'area di tensione si è posizionata nel sud del Mediterraneo".
22.57 Obama e Renzi interrogati sugli F-35. Il presidente americano: "Non possiamo accettare che gli Usa spendano il 3% del Pil per la difesa, mentre l'Europa solo l'1% del Pil". Renzi: "Sono assolutamente d'accordo, l'Italia ha sempre fatto la propria parte, con dedizione e impegno".
obama e renzi1
22.55 Landini: "Per cambiare il Paese bisogna affrontare il tema dell'evasione. Lo Stato dovrebbe colpire chi non paga le tasse".
maurizio landini2
22.53 Travaglio: "Nelle carceri Usa la metà è dentro per traffico di stupefacenti, l'altra metà sono colletti bianchi. Noi gli evasori non li chiamiamo ladri, ma furbetti".
22.50 Travaglio parla anche di Massimo Cellino e del no subito dalla FA per l'acquisizione del Leeds:

Il presidente del Cagliari Massimo Cellino, appena uscito di galera per peculato e falso nello scandalo dello stadio Is Arenas, ha pensato bene di comprarsi il Leeds. Evidentemente è debole in geografia e non sa che Leeds è nello Yorkshire, in Inghilterra. Lui credeva fosse in Italia, infatti ci è rimasto male quando la Football League britannica gli ha detto che non può prendere il Leeds perchè ha una condanna in primo grado in Italia per 400 mila euro di imposte evase col suo yacht comprato negli Usa.

22.48 Travaglio nota che in Italia i carcerati per reati fiscali sono pochissimi in confronto col resto del mondo:


Nelle nostre affollatissime prigioni, i detenuti per crimini economici e fiscali sono 156. In Germania 8.601.

22.48 Travaglio parla anche di Berlusconi.

Mentre Hoeness piangeva e preparava lo spazzolino per la galera, B. rideva e annunciava:“Sarò lieto di esser capolista alle Europee in tutte le circoscrizioni”. Ecco, lui è lieto. E pazienza se è stato condannato a 4 anni per una frode da 360 milioni, quasi tutti prescritti. Ora attende i servizi sociali. Perchè da noi un evasore non va in galera neppure se insiste e prende a calci il portone: viene respinto dalle leggi fatte per gli evasori, anzi spesso dagli evasori o dai loro avvocati e commercialisti.

22.47 Travaglio: "Da noi un evasore non va in galera nemmeno se insiste, se prende a calci la porta del carcere".
22.42 Marco Travaglio cita il caso di Uli Hoeness, che, condannato per frode fiscale, si è dimesso e si è scusato in lacrime:

L'altro giorno, mentre Renzi preparava l'incontro con la Merkel e le portava in dono la maglia del centravanti tedesco della Fiorentina Mario Gomez, in Germania veniva condannato per frode fiscale il campione del mondo Uli Hoeness,bandiera del Bayern Monaco, 3 scudetti da giocatore e 18 da presidente, amico della Merkel. Al processo, dcome già era capitato ad altri campioni come Boris Backer e la moglie Steffi Graf, s'è beccato 3anni e mezzo. Non ha fatto appello, “in linea con la mia idea di decenza, condotta e responsabilità personale”. In Germania si usa così.

marco travaglio la71
22.39 Pubblicità.
22.37 Rampini: "L'Italia e la Francia possono svolgere un ruolo stabilizzatore nel Mediterraneo".
22.33 Rampini: "Obama non ha mai minacciato interventi in Ucraina. La Russia è una gigantesca potenza energetica. Anche le lobby russe sono fortissime in Italia. Bisogna essere lucidi e non ingenui".
22.30 Lilin: "Mio nonno era un cacciatore e mi diceva che i politici sono come cani da caccia. Rispondono tutti a un diverso fischietto: la finanza, il potere".
22.26 Nicolai LiliN: "L'intervento di Putin per noi è niente; è un intervento di prima entrata, è un test militare. Putin vorrebbe evitare la guerra, non è una persona stupida. In questo momento manca una politica interna chiara".
Nicolai Lili
22.23 Landini: "Stiamo cedendo agli Stati Uniti che ci dicono: dovete comprare questa cosa, punto, senza sapere quanto costano e a cosa servono".
22.19 Landini: "Dal punto di vista industriale, l'F-35 non porta nulla, anzi può portare problemi perché è tutto fatto in America".
landini2
22.17 Strada: "I nostri politici sono esperti di balle. Prima dicevano fosse una missione di pace, ora finalmente dicono ‘siamo in guerra'".
22.17 Strada: "Non sanno nemmeno dov'è l'Afghanistan. Al Tg1 annunciarono che le nostre navi erano al largo delle coste afghane. Ma quando caxxo c'è stato il mare in Afghanistan".
22.15 Strada parla di "carcassa" a proposito di F-35. Poi ribadisce "Qualunque politico spenda miliardi in questo momento per comprare un F-35 è un cretino".
22.14 La spesa militare totale dell'Italia sfiora i 17 miliardi di euro e supera quella tedesca.
spesa militare
22.10 L'intervento di Dragoni sulle spese militari dell'Italia e in particolare per comprare gli F-35.
spse
22.07 Durante i test, il software dell’F35 è crashato; sarebbe stata una catastrofe se fosse avvenuto durante una missione.
22.04 Vediamo un altro frammento del documentario sugli F-35. Che oggi non possono volare in caso di temporali.
21.58 Pubblicità.
21.57 Mauro: "F-35 è una parola di sinistra, il programma F-35 fu scelto da Andreatta, membro del governo Prodi. Il Pd l'ha sempre votato".
21.54 I costi degli F-35 ora si avvicinano a 200 milioni di dollari. Mauro: "Il Costarica ha scelto per Costituzione di non avere forze militari. Chi oggi gestisce sistemi di difesa ragiona come si fa in un vicolo di un piccolo paese. Quando scoppia una rissa c'è qualcuno che si mette di mezzo, assumendosi una responsabilità. Rischia un pugno, ma si prende una responsabilità. La comunità internazionale ha deciso di interporsi armati".
21.47 Cosa sono gli F-35? È un aereo che può attaccare senza essere rilevato dai radar. "Sono come un branco di lupi" dice un colonnello americano.
f 35
21.45 Rampini: "La presa di posizione contro l'austerity di Renzi entra perfettamente nell'agenda Obama. Renzi sicuramente sta concedendo qualcosa a Obama sugli F-35".
rampini
21.42 Rampini: "Quando Obama parlava del Papa si sentiva emozione vera". Il giornalista poi ricorda che Obama fece l'endorsement anche a Monti e Letta, non solo a Renzi.
21.38 Strada: "Ti immagini Washington blindata perché arriva Renzi? Ma non se lo filerebbe nessuno! È una cosa tutta italiana".
21.37 Strada cita anche i 4000 mila militari in Afghanistan e i costi per mantenerli lì.
21.35 Secondo Strada le risorse per i provvedimenti economici ci sono: "tagliare le spese militari, togliere il profitto dalla sanità porterebbe un ricavo di 50 miliardi di euro l'anno".
gino strada1
21.34 Strada spiega che ogni anno si spendono nel mondo 1750 miliardi di dollari in armamenti
21.32 Gino Strada ironizza sulla conferenza stampa: “Ho visto un trailer di un film”. Poi spiega cosa significa disuguaglianza.
21.29 Innocenzi racconta i retroscena della conferenza stampa, con i giornalisti italiani in piedi per carenza di sedie.
21.26 Poi ascoltiamo un passo della conferenza stampa di Obama e Renzi, sulle riforme strutturali.
obama e renzi
21.24 La puntata si apre con un servizio che mostra come Roma si è preparata all'arrivo di Obama.
polizia3
21.18 Santoro parla anche della riforma della Costituzione nel suo prologo. Pubblicità.
21.15 Santoro nota che Obama ha parlato di Renzi con la parola energia; stessa parola usata dal giornalista per commentare l'arrivo di Renzi a Palazzo Chigi.
21.14 L'editoriale di Santoro si apre sulle note di Blowin in the Wind di Bob Dylan.
21.13 Inizia la puntata.
gino strada2

La puntata di stasera di Servizio Pubblico, intitolata Adesso spera, sarà seguita come di consueto in liveblogging da PolisBlog a partire dalle ore 21.10. Ospiti di Michele Santoro saranno il medico pacifista Gino Strada, il leader della Fiom Maurizio Landini, il giornalista de La Repubblica Federico Rampini, in Italia per seguire il viaggio del Presidente Usa, e Mario Mauro, ex ministro della Difesa del Governo Letta e presidente dei Popolari per l’Italia.

I temi in discussione sono legati alla visita di Barack Obama in Italia e al suo incontro con il Premier Matteo Renzi, alle polemiche sugli F-35 e alla crisi economica.

In studio ci saranno anche Marco Travaglio, Giulia Innocenzi e Gianni Dragoni. In chiusura di puntata le vignette satiriche di Vauro.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO