Direzione Pd, Renzi “lancia” i vicesegretari Serrachiani e Guerini

Il coordinamento del Partito Democratico è affidato al duo composto dalla governatrice del Friuli-Venezia-Giulia e dal portavoce Pd

Alla direzione del Pd, Matteo Renzi ha proposto un doppio vicesegretariato che gli permetta di concentrarsi maggiormente sull’incarico da premier e sulle tante sfide di Governo di cui ha posto le basi in queste prime cinque settimane a Palazzo Chigi. Renzi fa due nomi: quello della governatrice del Friuli-Venezia-Giulia Debora Serracchiani e quello del portavoce del Pd Lorenzo Guerini. Saranno loro a coordinare il partito da oggi fino al post-elezioni europee, anche se dovrà essere l’assemblea nazionale a doverli nominare formalmente vice-segretari.

Due mesi in cui il Pd dovrà lavorare sodo per dare consistenza e continuità ai successi del Governo Renzi: oltre alle elezioni europee, si voterà anche in 4000 comuni e in due Regioni.

Non sono mancate le voci di dissenso: quella di Stefano Fassina, ormai un “classico” delle lotte intestine del Pd, quella di Gianni Cuperlo che avrebbe preferito la nomina di una figura di coordinamento affiancata da un portavoce. L’opposizione interna non si è limitata a mettere i bastoni fra le ruote al premier nella gestione del partito, ma ha fatto ostruzionismo anche sul jobs act.

Sui dissensi e sulla nomina dei due coordinatori, Renzi ha specificato:

Non ho intenzione di gestire il partito come avanza-tempo. La scelta di Guerini e della Serracchiani è uno strumento a garanzia, non un elemento di polemica interna.



Dopo avere invitato “le varie realtà del partito” a confrontarsi sulle riforme, Renzi ha fatto un appello a remare nella stessa direzione in vista dell’appuntamento di fine maggio: il segretario Pd ha chiesto di fare campagna elettorale sulle misure annunciate dal governo in tema di uguaglianza fiscale.

serracchiani2

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO