Boschi risponde a Berlusconi: “Riforme anche senza Fi”

Il ministro per le Riforme “assicura” che anche senza Forza Italia, il Governo Renzi porterà a termine il suo percorso riformista

Ci pensa il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi a rispedire al mittente, Silvio Berlusconi, le minacce di far saltare il banco. L’ex premier convalescente quest’oggi ha telefonato alla convention di Forza Italia – Difendiamo l’Italia – che si svolgeva a Roma e ha spiegato che l’Italia deve tornare a essere una democrazia e, dunque, a essere retta da governi eletti dal popolo.

Ieri l’ex cavaliere aveva detto di essere pronto a far saltare l’abolizione del Senato, oggi la risposta gli è giunta dal ministro Boschi che, intervistata da Maria Latella, ha dichiarato provocatoriamente che

la maggioranza ha i numeri anche senza Forza Italia.

Boschi ha chiarito come non esista alcun “piano B in caso di fallimento” e di come sui punti principali della riforma del Senato non vi sia “alcun margine di manovra”.

Forse per la prima volta, c’è qualcuno che le riforme non le promette e basta, ma le realizza, quindi c’è qualcuno che comincia a preoccuparsi,

ha poi aggiunto Boschi che è diventata, a stretto giro di tweet, destinataria di un messaggio del “consigliere politico” di Berlusconi Giovanni Toti:

Sommessamente vorrei far notare al Ministro Boschi che i problemi sulle riforme c'è li ha il PD non Forza Italia. Se ne è' accorta?



È la domenica delle spacconate, la gara a chi gonfia di più il petto. E Renato Brunetta non può mancare. Il capogruppo dei deputati chiede trasparenza sull’accordo Renzi-Berlusconi, spiega come Renzi e Boschi abbiano una

paura matta di andarsi a schiantare contro la dorata facciata di Palazzo Madama. Voglio proprio vedere la loro riforma del Senato senza Forza Italia, voglio proprio vedere il via libera definitivo all'Italicum senza i nostri voti, già decisivi per l'approvazione della legge elettorale alla Camera.



I fedelissimi dell’ex Cavaliere si stringono a coorte, mentre gli e fedelissimi praticano l’arte dello sberleffo. Chi l’avrebbe detto, fino a pochi mesi fa, che Fabrizio Cicchitto avrebbe twittato:

In poche ore Berlusconi ha detto due cose opposte: prima un siluro alla riforma del Senato, poi ha dichiarato di appoggiarla.


Matteo Renzi Government To Face Confidence Vote At The Italian Senate

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO