Marco Travaglio a Passaparola: i processi di Berlusconi e le ipocrisie dei politici italiani

Torna Marco Travaglio con Passaparola, e più in forma che mai.
Le dimissioni di Olmert contrapposte al vittimismo di Berlusconi, che commettete reati, non si dimette e si lamenta pure di perdere tempo in tribunale, dove non è mai stato. Il caso Mills e la ricusazione del giudice Nicoletta Gandus (di cui abbiamo ampiamente parlato), il lodo Alfano, lo Stato Italiano.

L'informazione come arma di distrazione di massa, che sceglie la via del gossip per non parlare delle imputazioni del presidente (il tram tram sul famoso e interessantissimo caso di Chiara, giovane avvocatessa alla difesa del premier). Il grintoso giornalista mette di fronte lo spettatore per l'ennesima volta alle contraddizioni del sistema italiano. Avvocati in Parlamento, testimoni non ascoltati, l'assoluta inaffidabilità e autoreferenzialità della casta.

Il Marco Travaglio che ti aspetti insomma, con la consueta rabbia e la solita precisa maniera di fare informazione portando dati e fatti che, chissà com'è, non vengono mai smentiti. Al massimo viene attaccato l'uomo Travaglio. Potrà non piacere o non convincere la sua linea dura, resta il fatto che per schiettezza e limpidezza è una delle rare voci preziose e interessanti del panorama giornalistico italiano. Buona visione.

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO