Papa Francesco ha approvato la riforma dello Ior

L'Istituto per le opere religiose resta in attività. Negli ultimi mesi erano stato ipotizzate varie soluzioni, tra cui la soppressione.

La sala stampa del Vaticano ha diramato una nota ufficiale con la quale comunica che lo Ior, l'Istituto per le opere religiose, non sarà soppresso, ma a riguardo Papa Francesco ha approvato una proposta di riforma elaborata da Crior, Cosea, commissione cardinalizia e consiglio si sovrintendenza dello Ior.

Il Crior è la pontificia commissione referente sullo Ior ed è guidata dal cardinale Raffaele Farina, mentre la Cosea è la pontificia commissione referente di studio e di indirizzo sull'organizzazione della struttura economico-amministrativa della Santa Sede ed è guidata dal maltese Joseph Zahra. A capo della commissione cardinalizia dello Ior c'è lo scpgnolo Santos Abril y Castellò, che ha dato il consenso affinché l'australiano George Pell, che ha preso servizio a Roma da qualche giorno come cardinale-prefetto della segreteria per l'economia, esponesse la proposta a Papa Francesco.

Come si legge nella nota del Vaticano, si tratta di una proposta che è stata elaborata sulla base di "informazioni sullo status legale dello Ior e sull'operatività svolta, informazioni raccolte e presentate al Santo Padre e al suo consiglio di cardinali da Crior nel febbraio 2014". L'Istituto dunque continuerà a operare fornendo servizi finanziari specializzati alla Chiesa cattolica in tutto il mondo.
Nei mesi scorsi il Santo Padre aveva detto pubblicamente che le soluzioni per lo Ior potevano essere di tre tipi: trasformarlo in una banca etica; confermare la mission attuale ma migliorare la trasparenza; sopprimerlo. Il Pontefice non si era espresso a favore di nessuna di queste ipotesi in particolare, ma evidentemente ora il progetto di riforma lo ha convinto e ora tocca al presidente del consiglio di sovrintendenza Ernst von Freyberg e a tutto il management dello Ior concretizzare la riforma e far sì che l'Istituto compia la sua missione "come parte delle nuove strutture finanziarie della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano".

La proposta deve ancora essere presentata al consiglio dei cardinali di Papa Francesco e al consiglio per l'economia. Intanto le attività dello Ior saranno come sempre supervisionate dall'Autorità di informazione finanziaria" che opera nell'ambito della Santa Sede e di Città del Vaticano.

Papa Francesco approva riforma Ior

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO