Merkel ad Atene: "Grecia, ce la farai"

La Germania continuerà a supportare la Grecia, ma è probabile che serva un terzo piano di salvataggio.

Angela Merkel ad Atene ha spronato la Grecia: "Andate avanti così, siete sulla strada giusta del risanamento e delle riforme". Il cancelliere tedesco ieri è stato in visita nella capitale ellenica e ha incoraggiato popolazione e istituzioni: "Dopo tutte le necessarie riforme che sono state attuate, con altre che dovranno seguire, la Grecia ha davanti a sé più opportunità che difficoltà". Davanti a Merkel, una platea di imprenditori.

Giovedì scorso sono stati emessi sul mercato internazionale bond greci: "L'economia ricomincia a camminare e la Germania vuole aiutare la Grecia in questo cammino". Al fianco dell'inflessibile Merkel, c'era anche il premier greco, Antonis Samaras. La Germania ha fornito il suo contributo mettendo la firma su un memorandum di intesa per la creazione di un fondo di investimento greco destinato a fornire liquidità alle piccole e medie imprese: Bonn e Atene contribuiranno ciascuno con 100 milioni di euro.

Sono fermamente convinta che, dopo una fase molto molto dura, il Paese abbia innumerevoli possibilità che non sono state del tutto percepite e sulle quali possiamo costruire". Samaras era sorridente e annuiva mentre parlava la cancelliera tedesca, poi ha aggiunto: "La Grecia ce l'ha fatta, oggi è un nuovo giorno". Effettivamente, dopo sei anni di dura recessione che hanno portato il tasso di disoccupazione al 27%, adesso si cominciano a vedere i segni della ripresa.

Samaras ha voluto ringraziare gli europei per gli aiuti e ha poi promesso che Atene proseguirà sulla strada delle riforme. Merkel ha paragonato la recessione ellenica alle difficoltà vissute dalla Germania all'inizio degli anni '90 con la riunificazione. Con gli imprenditori, si è permessa anche il lusso di scherzare sul sentimento anti-tedesco che si respira in Grecia. Sentimento che difficilmente muterà nei prossimi mesi, visto che Atene dovrà ancora adottare la politica "sangue e sudore" per superare i problemi che ancora la affliggono.

Nei prossimi mesi, infatti, la zona ero dovrà tornare a discutere della sostenibilità del debito di Atene: "Occorrerà molto tempo per mettersi d'accordo". Non è escluso un terzo piano di salvataggio: "Le esigenze finanziarie della Grecia restano ingenti per i prossimi due anni e ci sarà bisogno di supporto" ha fatto sapere, da Washington, il capo del dipartimento europeo del Fondo Monetario Internazionale, Reza Maghadam.

Merkel e Samaras

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO