USA 2012: duello in tv in diretta, Romney vince il primo dibattito con Obama

primo dibattito Romney Obama
Oltre ai social network, anche gli instant poll delle principali testate danno Romney come trionfatore: 67% per la CNN, 56% secondo CBS.

4:33 Il dibattito è finito, Romney e Obama abbracciano le rispettive famiglie. Il vincitore sembra senza dubbio Romney, e difficilmente i commenti post-dibattito potranno cambiare le cose. Ma più che Romney a vincere è stato Obama a perdere. Il presidente è apparso spento e senza iniziativa, occhi bassi e poche frasi a effetto. Ha evitato, chissà perché, gli attacchi più scontati come quelli su Bain Capital e sul "47% degli americani".

4:32 Appello finale di Romney: cambierò la vita agli americani. Bravo nell'attaccare Obama senza mancargli di rispetto, ma in questi minuti finali appare stanco.

4:30 L'appello finale di Obama sembra voler impietosire gli spettatori: non sarò perfetto ma ho lottato per gli americani.

4:28 Dichiarazioni conclusive: Obama definisce il dibattito "terrific", ma non si sa quanto ci creda veramente.

4:26 Ultimi scampoli di dibattito. Obama nega che Romney voglia ascoltare i democratici "Anche io mi siedo al tavolo con i repubblicani, ma poi bisogna decidere".

4:25 Romney rivendica il suo essere bipartisan, ricorda che il Massachusetts è democratico e promette che si siederà a un tavolo con i leader di entrambi i partiti. La stessa cosa che diceva Obama 4 anni fa.

4:23 Obama sembra svogliato nel rispondere a Romney. Attenzione, fu così che Gore perse i dibattiti nel 2000 contro Bush.

4:21 Obama ricorda che secondo Romney i giovani devono farsi pagare gli studi dai genitori. Era uno dei colpi attesi, ma non l'ha giocato bene.

4:19 Se è vero che il vincitore del dibattito lo deciderà Twitter, Romney ha trionfato. Ma anche nel 2008 Obama aveva fallito il primo confronto tv.

4:17 Romney: questo governo si sostituisce agli individui e ai loro sogni, il risultato è che ci sono 23 milioni di disoccupati. Giustamente Romney adesso abbassa i toni.

4:14 Obama cita Lincoln, dopo che Romney aveva citato Reagan. Usciti dalle paludi delle domande su Medicare, Obama sembra più rilassato e Romney meno esagitato.

4:12 Nuovo segmento e nuova domanda: credete ci sia differenza rispetto a come considerate la missione del governo? Risponde Obama: mio dovere mantenere i cittadini al sicuro.

4:10 Obama appare fuori forma anche quando è più incisivo, come sulla riforma sanitaria. Chiaramente non si è preparato quanto Romney per il dibattito.

4:08 Obama accusa Romney di non aver spiegato davvero la sua proposta di riforma sanitaria, e torna a citare quella in Massachusetts.

4:06 Romney spiega finalmente la sua proposta di riforma sanitaria. L'obiettivo è abbassare i costi, ma la morale è che difficilmente da Medicare si potrà tornare indietro.

4:03 Obama si è fatto sfuggire l'occasione di rinfacciare a Romney la gaffe del "47%", ma sta cercando di farlo passare per democratico ricordando la riforma sanitaria in Massachusetts. Ma Romney si difende bene.

4:01 Stavolta è Obama a sforare i tempi previsti. Romney accusa il presidente di non essere stato bipartisan nell'approvazione di Medicare. Primo colpo a segno di Obama: Medicare è uguale alla riforma approvata da Romney in Massachusetts.

3:59 Obama continua a difendere la sua riforma sanitaria. Finora ha solo difeso il suo operato e attaccato le idee di Romney, ma non ha parlato mai di cosa farà in futuro.

3:56 Romney torna a criticare la riforma sanitaria: costa troppo e non è efficace. Prova a raccontare un aneddoto, ma questa è la specialità di Obama e a Romney non riesce bene.

3:55 Obama sorpreso a sorridere mentre Romney parla della legge Dodd-Frank che regolamenta il mercato finanziario.

3:54 La migliore battuta da Twitter: Obama ha bisogno di Prozac, Romney di Valium.

3:52 Romney ha preso talmente tanta confidenza da parlare sopra Lehrer. Il rischio a questo punto è di apparire eccessivo. Dopo i terribili dibattiti nelle primarie, non gli sembra vero di avere un rivale e un moderatore così assenti.

3:50 Finora il grande perdente del dibattito è il moderatore Lehrer, che non riesce a contenere i contendenti e a far rispettare i tempi.

3:48 Romney rivendica di avere una copertura sanitaria privata perché non vuole che sia il governo a dirgli cosa fare.

3:44 Obama si rivolge a chi ha 54-55 anni dicendo che è loro che Romney vuole colpire. Poi chiede di nuovo a Romney di ascoltarlo ma non sembra convincente.

3:42 Obama gioca la carta familiare per difendere Medicare e cita i nonni. Romney dice di non voler cambiare il piano sanitario per gli over-60: cerca di recuperare negli stati chiave.

3:40 Sui social network Romney viene dato finora come vincitore del sondaggio. A giocare a sfavore di Obama il tono troppo soft e il fatto di ascoltare Romney a testa bassa

3:38 Altro punto di differenza sono le politiche energetiche, Obama vuole le rinnovabili, mentre Romney lo accusa di puntare su cavalli perdenti.

3:36 Obama contiene gli attacchi di Romney senza perdere la calma ma con ironia "Aiutiamo i giovani a studiare, non i proprietari dei jet a pagare meno tasse". Spiega perché i governi non possono fare a meno degli introiti di programmi come Medicare.

3:32 Romney si rivolge direttamente a Obama: non ha svolto bene il suo lavoro. Obama: non mi interrompere, ascoltami.

3:30 Obama ricorda la situazione che ha trovato 4 anni fa e la recessione che è arrivata, poi difende il suo Medicare. Alla lunga la flemma del presidente sembra più efficace del vigore di Romney.

3:28 Dopo il battibecco con Lehrer, Romney comincia a sembrare un po' agitato e impaziente. Non riesce a stare nei tempi previsti e per questo parla molto velocemente, al contrario di Obama.

3:26 Finalmente Lehrer riesce a fare la seconda domanda: cosa intendete fare per il deficit? Risponde Romney: è immorale spendere soldi che non abbiamo. Facendo crescere l'economia si crea occupazione, mentre Obama vuole aumentare le tasse.

3:25 Nonostante sia abbondantemente finito il primo quarto d'ora, Romney continua a voler rispondere a Obama sulla prima domanda. Tutti e due vogliono avere l'ultima parola.

3:23 Per la prima volta anche Obama gigioneggia, rivolgendosi direttamente in camera e chiedendo agli americani se pensano sia sostenibili i tagli proposti da Romney e le nuove spese militari. Poi spiega che lui seguirà le politiche di Bill Clinton, mentre Romney quelle di Bush che hanno portato alla recessione: primo colpo basso del dibattito.

3:20 Obama cita il miliardario Donald Trump per parlare del piano economico di Romney. Rommney ripete nuovamente che il presidente alzerà le tasse alle imprese. Nonostante la foga, il repubblicano appare ripetitivo nelle sue risposte.

3.18 Obama, con estrema flemma, spiega che con le politiche di Romney si aumenterà il deficit o il peso sulla classe media, e rivendica di aver ridotto le imposte sia alle famiglie che alle piccole imprese.

3.16 Romney nega di voler tagliare le tasse ai più ricchi e aumentarle alla classe media, e poi rivolta contro Obama l'accusa di voler alzare le aliquote.

3:14 Obama difende le proprie politiche fiscali e gli sgravi alla classe media, e attacca il piano del repubblicano. Mentre Romney parla guardando Obama, Obama parla rivolgendosi a conduttore e pubblico.

3:12 In questo primo scambio Romney sembra più a suo agio, gigioneggia anche a rischio di strafare. Obama appare molto più frenato, a rischio di sembrare distaccato.

3:10. Replica di Romney: non ridurrò le imposte a chi ha redditi più alti, aiuterò la classe media. In questi anni ci sono stati aumenti insostenibili.

3:08. Replica di Obama: assumere 100.000 nuovi insegnanti e abbassare le imposte alle imprese che non esternalizzano. Investire sulle energie rinnovabili e ridurre il deficit.

Ore 3:06 Risponde Romney: battuta simpatica su Obama, poi racconta un aneddoto su una famiglia incontrata in Ohio. Il suo piano: creare 4 milioni di posti di lavoro, aprire mercati con l'America latina e non con la Cina, sostenere le piccole e medie imprese, ridurre il peso del governo.

Ore 3:04. Prima domanda: qual è il vostro piano per la creazione di posti di lavoro? Risponde per primo Obama (che ricorda che oggi è il 20esimo anniversario di matrimonio): investire nell'istruzione e nella formazione, cambiare il fisco. Patriottismo economico.

Ore 3:00. Tutto pronto, il conduttore Jim Lehrer sta presentando il format del dibattito: domande divide in sei segmenti, con risposte da due minuti. Entrano Obama e Romney. Entrambi in completo scuro: Obama, sulla destra, indossa una cravatta blu, Romney una rossa.

Il primo dibattito Obama-Romney: la presentazione


Mancano poche ore al primo dibattito per le elezioni presidenziali 2012. Questa notte, alle 3 ora italiana, Barack Obama e Mitt Romney si affronteranno all'università di Denver in un'ora e mezza di botta e risposta sui temi di politica interna. Si parlerà quindi soprattutto di economia e lavoro, temi su cui Obama sarà costretto a difendere l'operato della sua amministrazione dagli attacchi dei repubblicani. È proprio sulle promesse non mantenute che punta Romney per rovesciare i sondaggi che attualmente danno il presidente in carica in vantaggio.

I due sfidanti si sono sottoposti a una dura preparazione per il duello, assumendo anche degli sparring partner: John Kerry per Obama e Rob Portman per Romney. Il 55% degli americani si aspetti che Obama prevalga nei dibattiti, ma questo rischia di rivelarsi un boomerang: Romney infatti è più "allenato" dopo le primarie ed ha meno da perdere. Obama ha avuto meno tempo e meno occasioni per prepararsi, e dovrà stare attento a non compromettere il vantaggio con qualche gaffe, ma il rischio è che appaia sottotono o poco attento. Inoltre sarà chiamato a rispondere delle promesse non mantenute, dalla chiusura di Guantanamo alle riforme interne.

Questa notte, dalle 3 ora italiana, seguiremo su Polisblog in diretta il primo dibattito presidenziale.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO