La parentopoli siciliana colpisce il più grande seguace di Brunetta: si predica bene e si razzola male?


Avete mai sentito parlare di Giovanni Ilarda? E' un assessore della Regione Sicilia, ed è uno dei più grandi fan di Brunetta e della sua guerra ai fannulloni nella pubblica amministrazione. Si vanta di aver ridotto del 57% l'assenteismo in un ente facente capo alla regione. Bene direte voi. Dieci, cento, mille Ilarda.

Già, c'è un piccolo problema però. Che Ilarda ha fatto assumere sua figlia per un incarico da dirigente presso l'Assessorato ai Beni Culturali. Roba da 75 mila euro l'anno, dice Repubblica. I sindacati lo aspettavano al varco: "Il governatore Lombardo ponga fine alla contraddizione fra la politica del rigore vantata davanti all'opinione pubblica e questi scandalosi privilegi della politica".

Risultato: la figlia di Ilardo, Giuliana 27 anni, rinuncia all'incarico. Rasenta il ridicolo il commento del padre che dice di aver commesso "una leggerezza" nell'assumere la figlia. Sta a vedere che quando ha fatto la nomina non si è proprio accorto che si trattasse proprio di lei, un caso di omonimia, avrà detto. La mette anche sul meritocratico, visto che Giuliana "può vantare una laurea con 110 e lode in discipline artistiche, parla due lingue ed è un'esperta di informatica". L'unico 110 e lode in Sicilia. L'unica a parlare due lingue. Non c'era proprio nessuno più idoneo di lei.

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO