Virus su Rai2, puntata 25 aprile 2014

La diretta della puntata del 25 aprile 2014 di Virus - Il contagio delle idee

23.33 Finisce la puntata.
23.28 Gastel: "Uso tantissimo photoshop perché la fotografia non è realtà".
23.25 Gastel commenta le foto da lui scattate a Barbara Berlusconi, Belen Rodriguez, Gianna Nannini, Luca Zingaretti.
23.18 Gastel: "Per la fotografia di modo la donna è l'accessorio, il vestito è l'oggetto".
porro foto
23.16 Gastel: "Bisogna escludere quello che ti viene spontaneo, non si deve fare la prima, la seconda, la terza, la quarta foto che ti viene in mente".
23.13 Gastel: "Da ragazzo facevo foto bruttissime, spaventose. Questa è inguardabile".
fotot
23.05 L'intervista al fotografo Giovanni Gastel:

Nelle foto di moda, le foto al 50% la fanno le modelle.

Giovanni Gastel
22.55 Vittorio Sgarbi descrive la Venere di Botticelli e dice che secondo lui vale 1 miliardo di euro, anche se la sua immagine è stampata sulle monete da 10 centesimi.
Venere di Botticelli
22.54 Bisignani: "Renzi ha bisogno di Potere, di suoi uomini nei punti chiave".
22.53 Bisignani: "Il Pd è stato rottamato da Renzi, il Pdl è quello che è. Intorno a Renzi c'è entusiasmo. Ma anche molti ruffiani, ma Renzi se ne frega".
22.50 Feltri: "Tra i parlamentari italiani europei uscenti solo 20 sanno parlare inglese e francese, gli altri non capiscono nemmeno dove sono".
22.46 Il consigliere comunale di Roma De Palo racconta di guadagnare al massimo 1700 euro mensili, senza previdenza. Per arrotondare e dare da mangiare ai suoi 4 figli ha trovato un secondo lavoro, cioè il cameriere.
consigliere
22.42 Feltri: "Non facciamo di tutta l'erba un fascio". Sileoni: "È impossibile dire quante siano le municipalizzate in Italia; il problema è culturale: gli elettori hanno detto che i servizi pubblici devono stare in mano ai Comuni, ma è stata una presa in giro".
22.38 Un servizio sui netturbini e, in particolare, su quelli inabili che pullulano a Napoli.
netturbini
22.33 Pubblicità.
22.33 Feltri rivela che è saltata la presenza di Bisignani al salone del Libro di Torino dopo la pubblicazione del suo libro in cui si fa riferimento al Corriere della Sera (anche se non è mai citato esplicitamente).
22.31 Feltri: "L'Irap è una boiata. Che razza di tassa è?".
22.30 Feltri: "I sindacati sono stati fortissimi nel creare un clima ostile nei confronti di chi volesse intraprendere in Italia. Le aziende sono state viste come nemici. C'è un ambiente inospitale per le aziende, che infatti vanno via".
22.27 Richetti: "Il decreto è rivoluzionario perché toglie la causale e il numero di proroghe; per 36 mesi una stessa persona potrà rimanere al suo posto, con probabilità più alte di stabilizzazione".
22.26 In commissione Lavoro 11 del Pd sono ex sindacalisti. Bisignani: "I sindacati sono poteri forti. Renzi è stato spiazzante".
ex sindacalisti
22.23 Sileoni: "Avrei preferito che il decreto non fosse modificato; non è la garanzia di un posto fisso che crea lavoro, a crearlo è la domanda; quando il lavoro è poco, è meglio la flessibilità".
sileoni
22.23 Per Airaudo i sindacati non sono mai stati poteri forti né intoccabili. Sacconi: "In Italia c'è pluralismo sindacale, per fortuna".
22.22 Il decreto sul lavoro in un servizio. Airaudo di Sel e Sacconi di Ncd dicono la loro.
22.20 Richetti si dice tranquillo: "Credo che Berlusconi, passata la campagna elettorale, porterà a termine con la maggioranza le riforme".
22.19 Feltri: "Renzi per poter realizzare con forza le cose annunciate ha bisogno di avere un voto che gli dia coraggio". Richetti dice che se Berlusconi non ci sta, le riforme verranno fatte "a maggioranza".
22.16 Il voto a ottobre? "Non mi pare credibile", dice Richetti.
22.15 Bisignani: "La politica non esiste più, non conta niente. Renzi deve andare presto alle elezioni, a ottobre, altrimenti si brucia".
22.13 Bisignani: "Il sistema bancario italiano è fatto apposta per essere genuflesso ai grandi poteri".
22.11 I debiti delle grandi imprese nei confronti delle banche.
imprese
22.07 Un servizio sulle banche.
22.06 Feltri a Porro: "Non siete capaci nemmeno a copiare dal mio libro, io ho dato 5 a Renzi, non 6".
22.05 Richetti: "Mentre Grillo girava l'inno, Renzi portava a casa il fatto che gli investimenti sulla scuola sono fuori dalla legge di stabilità".
22.02 In onda l'inno ufficiale del M5S. Feltri: "È una boiata pazzesca".
21.59 Feltri racconta la sua prima volta ad Arcore, subito dopo la firma del contratto come direttore de Il Giornale. In quell'occasione Silvio Berlusconi lo costrinse a cantare Forza Italia insieme al fratello Paolo. Feltri comunque precisa che il Cavaliere quando lui era direttore non gli ha mai fatto pressioni".
su berlusconi
21.58 Feltri: "Se nei cda ci sono i banchieri, se il capitale è prevalentemente delle banche, vuoi che le banche non contino niente? A Il Giornale non conta niente Berlusconi? Non facciamo ridere la gente. I giornalisti in buona fede si autocensurano. Dove c'è conflitto di interessi l'informazione è annacquata".
21.56 Bisignani: "L'Italia è l'unico Paese in cui banche, industrie, immobiliaristi controllano i giornali; c'è un conflitto di interessi pazzesco".
21.50 In studio Carlo Coco, pensionato che quando aveva 28 anni ha lavorato in Olanda per un periodo di 8 mesi circa; quindi è tornato in Italia con la moglie; a 65 anni ha ricevuto la lettera in cui veniva annunciato che avrebbe ricevuto una pensione dall'Olanda (69 euro al mese); Carlo ha risposto all'ufficio olandese, attraverso l'Inps, che però ha dimenticato di mandare la pratica.
21.48 Al Sud in proporzione ci sono più dipendenti pubblici rispetto al Nord? Vero.
dipendenti1
21.47 L'impiego pubblico assume più del privato? Falso.
21.46 Fact-checking: il 20% della spesa pubblica è usato per pagare gli stipendi ai lavoratori pubblici.
compensi
21.45 L'annunciata "violenta" lotta di Renzi contro la burocrazia.
21.44 Richetti: "Mi stupisce che si giudichi Renzi sui tweet, perché Napolitano non ha firmato tweet ma decreti. Come si fa a dire che non si sono abbassate le tasse se l'Irap è passato dal 3,9 al 3,5? Io contesto che si dica che è una iniziativa elettorale".
21.42 Feltri: "È prematuro dare un giudizio su Renzi, ma quello fin qui fatto non mi convince".
21.40 Sileoni: "Negli ultimi anni in Italia nessun governo ha abbassato le tasse". Renzi: "Nemmeno Renzi lo ha fatto".
21.37 Sileoni dell'Istituto Bruno Leoni: "Di tweet ne abbiamo visti tantissimi e ci sono piaciuti tutti. Di provvedimenti c'è un decreto che permette ai comuni di aumentare la Tasi, uno sul lavoro che ci ha un po' deluso". Sileoni critica anche sulle coperture per gli 80 euro.
21.36 Feltri a Renzi nel suo libro ha dato 6.
renzi a 6
21.35 Feltri su Berlusconi: "Se non riesci a fare, non stai lì 20 anni, vai a casa".
21.32 Feltri scherza: "I magistrati bisogna amarli, siamo nelle loro mani". Poi su Renzi: "Volerlo giudicare sulla base delle cose che dice è sbagliato, bisogna giudicarlo sulle cose fatte. E per ora è insufficiente perché le tasse sono diminuite sono per alcuni".
VITTORIO feltri rai2
21.31 Richetti dice che le nomine di Renzi hanno voluto evidenziare l'intenzione di non lasciare in mano alla classe dirigente maschile le aziende pubbliche.
21.28 Bisignani: "Renzi è un Berlusconi che non media, ha studiato da Berlusconi". Secondo Bisignani le nomine fatte da Renzi non hanno privilegiato le donne.
21.27 Richetti precisa che "la Cgil non ha cambiato il decreto lavoro".
21.25 Richetti: "Renzi non ha ingaggiato una lotta contro un specifico potere, ma afferma un principio: un altro servitore dello Stato deve capire la dimensione del Paese. Che le banche protestino formalmente perché la politica chiede loro di pagare le tasse come nel resto dell'Europa significa che il nostro è un Paese che di giorno parla in un certo modo, di notte in un altro".
richetti
21.22 Bisignani: "Renzi si sta muovendo in campagna elettorale; deve rendersi conto che è Presidente del Consiglio. L'errore è stato aver fatto la riforma dei poteri del Premier. Vuole governare il Paese con i tweet, ma non ne ha poteri".
21.15 Porro presenta gli ospiti in studio e lancia un servizio sui magistrati, giudici e i Tar.
21.14 Porro legge le dichiarazioni di Renzi contro i poteri forti.
renzie
21.11 Inizia la puntata. Porro introdue il tema della puntata e fa notare che Roma è una citta chiusa in questi giorni di feste.
nicola porro5

Nel giorno in cui il Paese celebra la festa per la Liberazione, torna su Rai2 alle ore 21.10 l'appuntamento con Virus - Il contagio delle idee, il talk show condotto da Nicola Porro. Nella puntata di stasera, seguita in liveblogging come di consueto da PolisBlog, ci si chiederà se il premier Matteo Renzi riuscirà davvero a liberare l’Italia dai suoi poteri forti e quindi da banche, sindacati e burocrazia. Impresa non semplicissima, a maggior ragione dopo il blocco alla Camera del decreto lavoro.

Ad animare il dibattito in studio ci saranno il giornalista Vittorio Feltri e l'ex faccendiere Luigi Bisignani; in collegamento Matteo Richetti del Partito Democratico.

Il fact-checking si occuperà di burocrazia prendendo in esame tutti i luoghi comuni e i cliché che la riguardano. Il capolavoro di Botticelli “La nascita di Venere” sarà invece al centro della lezione di Vittorio Sgarbi.

Protagonista del faccia a faccia finale con Nicola Porro sarà Giovanni Gastel, uno dei più importanti fotografi di moda del mondo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO