Fini a Piazza Pulita: "G8 di Genova? Rifarei tutto". Aridatece Stanis La Rochelle.

Gianfranco Fini è completamente sparito dalla scena politica. Il presidente della Camera è sostanzialmente un fantasma, il suo movimento, Futuro e Libertà è un partito morto prima ancora di essere nato. Sono lontani i tempi in cui il suo "strappo" con l'uscita del PDL dominava l'agenda e la sua figura conquistava simpatie persino a sinistra nel ruolo di (tardivo) antagonista a Berlusconi e al berlusconismo. La caduta del governo di centrodestra e l'avvento dei tecnici l'hanno di fatto seppellito.

Intanto l'Api di Rutelli è stata trascinata nel calderone dello scandalo provocato dal tesoriere dell'ex Margherita Luigi Lusi e l'Alleanza per l'Italia con l'UDC non esiste più. Casini sa di poter essere l'ago della bilancia e di non aver alcun bisogno (almeno nell'attuale situazione) di Fini.

Qualche giorno fa la sua intervista ad Otto e Mezzo aveva conquistato le prime pagine con le accuse a Berlusconi ("è un corruttore, mi quereli se vuole") giusto per il tempo necessario ad uno sbadiglio. A nessuno interessa più delle sue beghe con l'ex premier. Il presidente della Camera ha così deciso di riprovarci intervenendo ieri sera a Piazza Pulita, la trasmissione di Corrado Formigli.

L'impressione? La mia è che il presidente della Camera assomigli sempre di più alla grottesca parodia di Stanis La Rochelle nel film di Boris. Lui, però, non fa ridere nessuno.

Apparso privo di smalto e di argomenti da proporre alla platea si è lasciato comunque sfuggire una perla notevole. Un'uscita che a poche ore dalla pubblicazione delle motivazioni della Cassazione sulla mattanza della Diaz appare quantomeno inopportuna.

Il G8 di Genova? Fini, all'epoca vicepresidente del consiglio, sostiene di essersi recato nel capoluogo ligure per "portare la sua solidarietà ai Carabinieri" e che "rifarebbe tutto".

Certo. E "mai e poi mai svilire il ruolo del pàrlamanto".

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO