Onu sugli stupri: "Arma di guerra devastante come una bomba"

Nei conflitti, la violenza sessuale viene utilizzata in almeno 21 Paesi secondo l'ultimo rapporto delle Nazioni Unite.

"Lo stupro è un'arma di guerra, devastante come una bomba". A dirlo è Ban Ki-moon, segretario generale dell'Onu, che ha così commentato l'ultimo rapporto presentato al Palazzo di Vetro, sede delle Nazioni Unite. La violenza sessuale, nelle zone di conflitto, è una piaga che colpisce le donne, gli uomini e i bambini in almeno 21 Paesi: Afghanistan, Siria, Centrafrica, Birmania, Congo e Somalia. "Come mostra il dossier, tali gravi violazioni si verificano ancora troppo spesso, ma stiamo iniziando a fare progressi tangibili".

Proprio Congo e Somalia sono i Paesi dove si sta facendo di più per ridurre questa piaga. Insieme alla Colombia, dove il governo sta addestrando le forze di sicurezza a prevenire e a rispondere agli stupri. In Afghanistan, purtroppo, l'Independent Human Rights Commission ha registrato un aumento del 25% delle violazioni contro le donne nel periodo da marzo a settembre 2013. Stessa situazione nella Repubblica Centrafricana, dove le violenze sessuali tra marzo e dicembre dello scorso anno sono state la caratteristica principale degli attacchi.

Nel conflitto siriano, quest'arma è stata utilizzata costantemente. Nel dossier, sono stati individuati 34 gruppi armati - tra milizie, gruppi ribelli e forze di sicurezza governative - "credibilmente sospettati di stupro e altre forme di violenza sessuale in situazioni di conflitto". Lo stupro viene anche utilizzato come strategia per ottenere il controllo dei territori con risorse naturali preziose.

L'ambasciatore Sebastiano Cardi, rappresentante permanente all'Onu, ha aggiunto: "Invertire le dinamiche sociali per passare dalla stigmatizzazione delle vittime alla criminalizzazione degli autori è un obiettivo raggiungibile". Secondo il membro italiano, la Corte Penale Internazionale deve intervenire laddove gli sforzi dei giudici nazionali non sono sufficienti. Infine, "il dibattito su donne, pace e sicurezza deve continuare a rimanere una priorità per il Consiglio di Sicurezza".

Ban Ki-moon

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO