Renzi all'assemblea dei senatori Pd: "O le riforme o vado a casa"

Riunione decisiva per il futuro delle riforme istituzionali


Matteo Renzi "minaccia" l'assemblea dei senatori Pd: "O si fanno le riforme o me ne vado a casa". Sarebbe questo il succo dell'incontro del premier con i senatori del suo partito, i più riottosi ad accettare la riforma del Senato come proposta dal disegno di legge dello stesso Renzi e del ministro Boschi, ovvero con la Camera alta che non sarà più elettiva ma ospiterà i rappresentanti degli enti locali.

La minoranza Pd ha proposto un'alternativa, il Ddl Chiti, che va nel senso della riduzione del numero dei parlamentari e del superamento del bicameralismo perfetto, ma prevede l'elettività anche per il nuovo Senato. Sulla proposta, che Chiti ha rifiutato di ritirare, c'è anche il parere favorevole del M5S e di Forza Italia, ed è ovvio che una sconfitta nella riforma su cui ha puntato di più sarebbe un duro colpo per il premier.

E d'altronde è ormai troppo tardi per tornare sui propri passi e ammettere che la proposta di riforma, così com'è, non piace più quasi a nessuno, così il premier ha preferito andare avanti sulla propria strada, concedendo alla minoranza del suo partito solo un contentino (suggerito dai relatori del ddl, Anna Finocchiaro e Roberto Calderoli), ossia lasciare alle singole regioni la scelta sulla modalità di scelta dei consiglieri regionali che andranno a sedere a Palazzo Madama. Un contentino che non è bastato a chetare gli animi e che anzi rischia di complicare ulteriormente la partita della riforma.

La proposta di riforma costituzionale può avere dei limiti ma non accetto che si dica che è una riforma autoritaria. La mia proposta è in continuità con la proposta dell'Ulivo e della campagna elettorale di Bersani

ha spiegato il premier, aggiungendo che fare le riforme in fretta significa anche lanciare un messaggio all'Europa.
Matteo Renzi Government To Face Confidence Vote At The Italian Chamber Of Deputies

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO