Primo Maggio 2014: a Torino contestazioni a Esposito del Pd e alla polizia

Antagonisti e No Tav contro il senatore Stefano Esposito.

Questa mattina a Torino, durante la manifestazione del Primo Maggio, un gruppo di antagonisti e di No Tav, coloro che si definiscono lo "spezzone sociale" del corteo, si son scontrati con una rappresentanza del Pd nel momento in cui è arrivato il senatore Stefano Esposito, che è notoriamente a favore della Tav. La polizia è dovuta intervenire per separare i due gruppi di persone che si stavano spintonando.

In pratica, quando alle 9:45 si è presentato Esposito e si è posizionato nella parte del corteo in cui si trovava la rappresentanza del Pd, davanti agli anarchici, dalla coda si è levato l'urlo "Fuori Esposito dal corteo" ed è stato sfondato ild servizio d'ordine del Pd. Allora la polizia ha separato e militanti del Pd e gli anarchici che si scagliavano contro Esposito.

Anche a Sergio Chiamparino, candidato del centrosinistra alle elezioni regionali, e ad Antonio Ferrentino, candidato di Sel favorevole alla Tav, è stato chiesto di abbandonare il corteo. Gli antagonisti si sono poi schierati contro i poliziotti, cui è stato urlato "Assassini, vergogna, tutto il vostro corpo è marcio". Sono stati inoltre distribuiti volantini contro il Sap, il sindacato di polizia al cui congresso c'è stata un'ovazione per i tre poliziotti coinvolti nel caso della morte di Federico Aldrovandi.

Neanche il sindaco di Torino Piero Fassino è stati immune ai fischi di una parte del corteo che è partito alle 9,30 da Piazza Vittorio, dove i militanti del Pd sono rimasti fermi più a lungo, protetti dalla polizia, mentre i Cobas e i sindacati autonomi hanno dato vita a una manifestazione alternativa a quella organizzata da Cgil, Cisl e Uil, e si sono sistemati in Piazza Castello.

Corteo a Torino

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO