Formigoni e Severgnini: battibecco su Twitter

Roberto Formigoni è indagato
Roberto Formigoni, si sa, è un assiduo frequentatore di Twitter, che usa non solo per promuovere le sue attività politiche, ma anche per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Memorabili le sue intemerate contro Ezio Mauro, La Repubblica e l'Espresso, a cui rispondeva sulle indagini che lo riguardano. Ma Formigoni è anche piuttosto permaloso quando si tratta di critiche, come dimostra la reazione piccata alle battute di Crozza nella scorsa puntata di Ballarò.

Questo pericoloso abbinamento si concretizza in battibecchi a suon di tweet, ed è quello che è successo quest'oggi con Beppe Severgnini. E per una volta, a dirla tutta, non è stato il governatore della Lombardia a cominciare: il suo messaggio era piuttosto innocente e parlava del record di tweet durante il dibattito televisivo tra Obama e Romney




Ma, mentre altri lo invitavano a pensare agli scontri tra studenti e polizia sotto il Pirellone, Beppe Severgnini ha servito un tweet velenosissimo


A "For me gone" come l'ha ribattezzato il giornalista del Corriere, la battuta sull'attivismo internettiano non deve essere piaciuta e, restando sul personale ma senza usare il fioretto, ha risposto


Nessun dubbio su chi sia uno di quei giornalisti "cinici e distruttivi" di cui parla. Il battibecco (almeno per ora) è finito qui, in attesa della replica del giornalista.
Formigoni non è certo nuovo a questi scontri a colpi di hashtag: risale al luglio scorso un doppio battibecco con Vendola e Di Pietro, riguardo le inchieste che li coinvolgevano e le richieste di dimissioni.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO