Ce lo chiede l'Europa: Paola Bacchiddu (e non solo) e le foto in bikini per Tsipras

La sinistra contro i suoi valori o una provocazione per superare l'ostracismo dei mass media?

La lista Altra Europa con Tsipras, in vista delle elezioni europee 2014, rischia di non superare la soglia di sbarramento del 4%. E questo a causa di alcuni errori nella gestione del movimento (mettersi a litigare immediatamente non aiuta), ma indiscutibilmente anche a causa di un certo ostracismo da parte dei media (quante volte gli esponenti di Altra Europa sono ai talk show? Quanto si è parlato di una lista che ha portato in prima linea il volto nuovo della sinistra europea, portandolo anche più volte in Italia senza che mai nessuno desse spazio alla cosa?). Se le cose vanno in questo modo forse è il caso di cercare altre strade per far parlare di sé.

Ed evidentemente è proprio quello che ha pensato Paola Bacchiddu, responsabile nazionale della comunicazione di Altra Europa, che si è spinta in un territorio davvero impervio per la sinistra alternativa, pubblicando una foto di lei in bikini (peraltro a bordo di una barca) sul suo profilo di Facebook corredandola con le seguenti parole: "Ciao. È iniziata la campagna elettorale e io uso qualunque mezzo. Votate L'altra Europa con Tsipras". La sinistra cade in territori a lei da sempre (e fortunatamente) estranei?

bacchiddu 2

Prima di dare una lettura troppo affrettata del piccolo caso, è bene riportare le parole pubblicate da Gilioli sul suo blog per l'Espresso.

(...) Così ho assistito allo sbattere quotidiano del cranio contro un muro, da parte di Paola e dei suoi: e i ricorsi all’Agcom, e le richieste di rettifica alle tivù perché nei sondaggi mettevano il dato di Sel anziché quello della lista Tsipras, e le lettere ai conduttori dei talk show perché nei confronti in tivù ci fosse anche uno dei loro, e le mail ai direttori dei giornali perché almeno nei pastoni fosse data notizia dell’esistenza della lista – senza dire delle mille idee creative per far parlare di sé a basso budget, dai video ironici ai flash mob in Galleria a Milano

Niente: non ne cavavano manco un colonnino, una citazione, una fotonotizia. Neppure quando Tsipras è venuto in Italia. Neppure quando sono riusciti a fare il piccolo miracolo (unica lista tra tutte quelle che si presentano) di mettere insieme le 300 mila firme necessarie per presentarsi, grazie allo sbattimento gratuito di centinaia di volontari.

Venerdì scorso, esasperata, Paola mi fa: basta, in questo Paese e con questo sistema mediatico, l’unico modo per finire sui giornali è mostrare le tette o il culo. Di tette sono scarsa, domani mostro il culo.

Pensavo che scherzasse.

Invece l’ha fatto.

Gilioli spiega di aver seguito la vicenda per "amicizia e vicinanza politica", una vicenda che ha fatto infuriare non poche polemiche: i militanti di Altra Europa, in buona parte, sono rimasti straniti dalla decisione di Bacchiddu, che sembra fare piazza pulita della battaglia femminista solo per provare a far parlare un po' del partito di cui fa parte. Una provocazione? Un modo per far ragionare sul fatto che solo in questo modo si può riportare un po' di attenzione mediatica su un movimento che sta provando a rilanciare i destini della sinistra?

Le poche parole di Paola Bacchiddu sembravano avere un intento più scherzoso che rabbioso (e forse se le sue vere intenzioni fossero meglio trasparite ci sarebbero state meno polemiche), ma la realtà dei fatti è che in questo modo, effettivamente, la Lista Tsipras ha fatto parlare parecchio di sé per la prima volta dopo il lancio e i primi non entusiasmanti sondaggi. In un modo o nell'altro, insomma, la mossa ha funzionato. E le compagne, che dicono? In parte accusano, in parte difendono: col risultato che sul web è scattata la gara tra le militanti di sinistra più disposti a svelarsi a pubblicare foto in bikini o anche senza al grido di "Ce lo chiede l'Europa" che potete trovare in gallery, mentre sul profilo Facebook di Bacchiddu la discussione continua.

Ce lo chiede l'Europa: Paola Bacchiddu (e non solo) e le foto in bikini per Tsipras

Ce lo chiede l'Europa: Paola Bacchiddu (e non solo) e le foto in bikini per Tsipras

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO